Clemente: “A Don Mimmo vorrei dirgli grazie”

clemente

Anzi, vorrei urlarglielo, a voce, con gli occhi e con un lungo e stretto abbraccio.
Un grazie da cittadina, un grazie da donna delle istituzioni, un grazie da familiare di vittima innocente.
Don Mimmo ha espresso il pensiero di tanti, ma lo ha fatto come lo fanno in pochi: con ratio e passione.
Con una fin troppo giustificabile rabbia, ma con la solita dolcezza e un’imprescindibile lucidità.
Condivido il suo appello all’unità, al far fronte ad un nemico comune, nostro e di quella stessa gente di cui la camorra si nutre e sputa.
Nemico della nostra città, una città che ormai ha tante di quelle ferite da sembrare una cartina geografica di dolore e sangue sparso, sange perso.

Occorre l’impegno di tutti per combatterla, occorre l’impegno collettivo per ottenere il benessere collettivo

Occorre partire dall’educazione, lavorare sui territori, stare accanto ai fragili, agli ultimi, tendere la mano più che puntare il dito.
Occorre lavorare per creare alternative credibili alla malavita, ma ancor di più, far comprendere ai ragazzi ed alle ragazze di questa città che la camorra non è un’alternativa.
Anzi, è alternativa alla vita, perchè uccide; è alternativa alla pace, perchè porta la guerra; è alternativa al benessere, perchè danneggia il tessuto produttivo.
Ecco perchè tutti, ma proprio tutti, dobbiamo essere alternativa alla camorra.
Grazie don Mimmo!



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*