De Rosa presenta il progetto “Un computer sospeso”

computer

Un computer sospeso” è l’oggetto del protocollo siglato dall’Ordine avvocati di Napoli, nella persona del presidente Antonio Tafuri e da Giulia Di Matteo, presidente del Soroptimist Napoli Vesuvius: gli avvocati Elena De Rosa dell’Ordine e Daniela Farone del Soroptimist Napoli Vesuvius hanno promosso l’iniziativa a carattere solidaristico che si pone come obiettivo principale quello di colmare il forte divario digitale (per fasce di età, provenienza o categoria sociale) che ha determinato una nuova forma di diseguaglianza e discriminazione culturale, economica e occupazionale, generando il fenomeno dei cosiddetti “esclusi digitali”.

Limare il digital gap

Il progetto “Un computer sospeso” intende limare il Digital gap che deriva dalla carenza di disponibilità di dotazioni infrastrutturali e di strumenti telematici necessari: i computer raccolti e revisionati gratuitamente verranno donati (ne sono stati già raccolti una decina) a soggetti deboli individuati d’intesa dall’Ordine avvocati e dal Soroptimist Napoli Vesuvius come le donne vittime di violenza, donne detenute in strutture carcerarie napoletane o minori detenuti e in situazioni di marginalità sociale.
*contiamo sull’apporto di Tutti i Colleghi*



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*