Clemente: “Mettiamo in luce i monumenti di Napoli”

napoli

Napoli ha il più grande centro storico d’Europa, centinaia di chiese, reperti antichissimi, a breve aprirà la stazione Municipio che sarà la più bella del mondo e il sottosuolo con le sue incredibili cavità non è da meno.
Palazzi e monumenti storici sono presenti da Barra a San Giovanni, dalla collina di Posillipo a quella dei Camaldoli.

La storia di Napoli è una stratificazione di storie e noi vogliamo metterle in luce

Considerando la quantità di bellezze architettoniche e archeologiche presenti in particolare nel Centro Antico caratterizzato da strade piuttosto strette e difficili da illuminare con pali che ingombrerebbero noi vogliamo illuminare verticalmente gli edifici storici più belli dal basso all’alto.
In questo modo non solo splenderebbero anche di notte, ma illuminerebbero le aree adiacenti creando, palazzo dopo palazzo dei sentieri luminosi.
Un altro progetto del mio programma è quello di valorizzare le ricchezze materiali e immateriali della città con i QR code da associare, come ho già fatto per la nuova Toponomastica di strade e le piazze, ad ogni monumento, chiesa o palazzo con un valore storico, artistico, sociale così che napoletani e turisti possano ascoltare non solo la storia di quel bene, ma anche il patrimonio di tradizioni, racconti popolari, biografie legati ad esso.

Napoli è infatti a tutti gli effetti un museo a cielo aperto

Il centro antico e tutti i centri storici della città devono necessariamente essere ripensati nella direzione della transizione ecologica con palazzi ecosostenibili, con facciate e tetti verdi nonché chiusi al traffico delle auto private e serviti da mezzi di trasporto ecologici ed efficienti.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*