Clemente: “Tra Spaccanapoli, Forcella, Via Tribunali e Castel Capuano”

spaccanapoli

Passeggiare per Spaccanapoli da Benedetto Croce a Forcella fa pensare di attraversare una lunga ferita che spacca la città in due, un’energia fortissima.
Secondo l’arte del Kintsukuroi i giapponesi riparano con l’oro le fessure dei vasi rotti così da renderli unici e speciali. Dalle ferite possono nascere incredibili opportunità ed è così che guardo al lavoro da fare insieme nei prossimi anni.
L’inaugurazione della “Bottega del mandolino napoletano” e il laboratorio di liuteria classica napoletana con plettro a cura dell’associazione Mastro Masiello Mandolino nei locali comunali prima abbandonati in via Pignatelli ne è l’esempio!

La buona politica

Con i candidati presidenti Chiara Capretti per la seconda municipalità e Carmine Stabile per la quarta e le nostre squadre di candidati presenti oggi e soprattutto dopo il voto abbiamo parlato e avvicinato alla buona politica le persone.
La Napoli che vive dopo via Duomo deve essere interessata da un piano dedicato di sviluppo e valorizzazione così da decongestionare i due decumani più battuti dal turismo.
Immagino nei beni di proprietà del comune tante botteghe e scuole di formazione alle arti e ai mestieri.
La creazione di dehors sta conferendo a Napoli, una città mite almeno 8 mesi l’anno, un nuovo volto internazionale e sta dando a napoletani e turisti l’opportunità di trascorrere momenti di convivialità all’aperto, e voglio varare un piano specifico, per garantire il rispetto dei pedoni e delle disabilità.

Centro libero dalle auto

Una novità che va resa stabile con una delibera che disciplini le caratteristiche e l’estetica dei dehor che si inseriscano nella visione di un centro antico libero dalle auto, fruibile grazie al trasporto pubblico, taxi e con più verde e spazi per i bambini e le famiglie.
Dobbiamo crescere ma senza perdere l’identità, non una Napoli di plastica come Rome, Florence, Venice ma incentrata sui nostri valori ed identità, NAPOLI, mettendo a valore le risorse immense che abbiamo già, valorizzando sempre di più le arti e i mestieri e le tradizioni che ci rendono unici nel mondo.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*