Coccia: “WTE Padova 2021, la Città Metropolitana di Napoli protagonista al Salone Mondiale dei Siti UNESCO”

wte

Non solo Pompei, non solo i siti già insigniti dal sigillo UNESCO, ma le bellezze di tutti i 92 comuni dell’area metropolitana. Al WTE, il Salone Mondiale dei Siti UNESCO in programma di Padova dal 23 al 25 settembre, la Città Metropolitana di Napoli ha messo in campo 50 Itinerari culturali sviluppati in spazi aperti, sostenuti dai fondi del Piano Strategico dedicati ai settori della Cultura e dell’Ambiente, riscuotendo grande successo per Napoli e per l’intera area metropolitana tra il pubblico di visitatori, tour operators e buyers internazionali che sta affollando le sale del Palazzo della Ragione.

Non solo Pompei

Non solo i siti già insigniti dal sigillo UNESCO. Decongestionare, destagionalizzare, allungare i periodi di permanenza. Proporre un’offerta turistica e culturale sempre più vasta e diffusa, valorizzando le bellezze di tutti i 92 comuni dell’area metropolitana.
Al WTE, il Salone Mondiale dei Siti UNESCO in programma a Padova dal 23 al 25 settembre, la Città Metropolitana di Napoli ha messo in campo 50 Itinerari culturali sviluppati in spazi aperti, sostenuti dai fondi del Piano Strategico dedicati ai settori della Cultura e dell’Ambiente – ben 540 milioni di euro nel triennio – e progetti di realtà aumentata. Riscuotendo grande successo per Napoli e per l’intera area metropolitana tra il pubblico di visitatori, tour operators e buyers internazionali che sta affollando le sale del Palazzo della Ragione, l’hub culturale che tanto ha contribuito al riconoscimento UNESCO della città veneta come ‘Urbs picta’.

La “Cultura come Cura” e i Percorsi dei 4 Elementi

Punto centrale della partecipazione della Città Metropolitana al WTE 2021 è stato quello di illustrare le soluzioni che il gruppo di lavoro interdisciplinare e interistituzionale messo in campo dall’Ente ha individuato per superare la crisi del settore turistico conseguente all’emergenza epidemiologica che ha investito l’intero pianeta.
Soluzioni che sono state racchiuse in un Manifesto condiviso e sottoscritto da tutti i soggetti competenti dal titolo “La Cultura come Cura” – fatto proprio e dichiarato ‘best practice’ dall’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO – che ha visto lo sviluppo di 50 itinerari culturali per un turismo sostenibile in tempo di pandemia. In pratica, itinerari culturali in spazi aperti tesi a valorizzare, partendo soprattutto dal traino offerto dai Siti UNESCO dell’area (il Centro Storico di Napoli, le aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata, i beni immateriali quali i Gigli di Nola e l’arte dei pizzaiuoli napoletani), luoghi meno conosciuti ma non per questo di minor pregio.
Gli itinerari sono stati divisi in quattro aree, legate ai quattro elementi, aria acqua terra e fuoco – e racchiusi in altrettanti volumetti presentati al Salone – e in 5 gruppi.
Diciotto quelli legati al Verde Urbano e ai Parchi (tra gli altri, il Bosco di Capodimonte, le Ville e i Parchi di Napoli, il Parco dei Campi Flegrei, quelli del Vesuvio, del Sarno e dei Monti Lattari), mentre 14 sono gli Itinerari del Trekking Metropolitano e della Street Art, tra cui, ad esempio, le Scale di Napoli, il Cammino dei Teatri antichi, il Sentiero degli Dei con l’intero territorio della Penisola Sorrentina e i percorsi alla scoperta dei murales di Jorit.
Liternum a Giugliano, la Fescina a Quarto, e poi Nola, Cimitile, il parco fluviale di Longola a Poggiomarino sono solo alcuni degli Itinerari Archeo-Naturalistici (in tutto 10), mentre l’Area Marina e Parco Sommerso della Gaiola a Napoli, il Parco Archeologico Sommerso di Baia, le vie dell’Acqua e del Fuoco di Torre del Greco, Torre Annunziata e Castellammare di Stabia fino alla Piscina Mirabilis a Miseno costituiscono gli Itinerari delle Acque.

4 itinerari

Chiudono il percorso i 4 Itinerari della Memoria – Itinerari Borbonici e Itinerari Rivoluzionari, che comprendono, in particolare, Palazzo Reale, la Reggia di Capodimonte, Castel Nuovo, Castel dell’Ovo, Castel Sant’Elmo a Napoli, la Reggia di Portici, la Reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia e la Casina del Fusaro a Bacoli. E poi le Chiese Aperte, i Borghi Storici, i percorsi Slow Food.
Il Piano Strategico Metropolitano
Itinerari che sono sostenuti anche sotto il profilo finanziario. All’interno del miliardo di euro stanziato nel triennio per cambiare il volto dell’intera area, il Piano Strategico varato dalla Città Metropolitana di Napoli ha, infatti, destinato 540 milioni a due settori considerati fondamentali: la Cultura come Sviluppo e il Verde pubblico. In particolare, 85 milioni sono stati stanziati per il patrimonio culturale, 382 per spazi pubblici e strade la maggior parte delle quali a servizio dei beni culturali e 17 milioni per la mobilità sostenibile, mentre ai parchi e alle aree verdi sono andati 53,4 milioni.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*