Vergani, RES: “L’attuabilità delle leggi è in mano a burocrati che non hanno voglia di farle rispettare”

res

Dopo l’ultima intervista di RES rilasciata a IL TALBOID, nella quale RES annunciava di ritirarsi da qualsiasi appoggio ai partiti che si presentano alle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Napoli, sono pervenute diverse segnalazioni sul tema.

 

Abbiamo, così, intervistato il Presidente Stefano Vergani al quale abbiamo posto le seguenti domande:

 


Presidente molti lettori rimasti stupiti dalla vostra scelta di non appoggiare nessuna lista alle prossime elezioni. E’ una situazione così grave come l’avete dipinta?

 

“Per quanto ci riguarda l’impressione avuta è stata fortemente negativa e la confermiamo. Ci spiace per Napoli alle cui sorti avremo volentieri contribuito per migliorare le cose ma l’intransigenza di coloro con i quali abbiamo avuto i contatti ci ha fatto desistere. Non saremo mai complici di affaristi, gente di poco valore e personaggi in cerca d’autore.  Riteniamo che la dignità paghi ed è per questo che ci siamo rifiutati di proseguire le esplorazioni inziali. E qui mi fermo per evitare altri effetti collaterali”.

 

 

Alcune delle segnalazioni ricevute indicano che il vostro partito/movimento non sempre ha segnalato il suo posizionamento su diversi temi molto attuali?

 

“Il tema è decisamente complesso.  Premesso che di fronte ai decreti legge è difficile opporsi e sul tema non è facile rispondere. In un paese con una percentuale molto alta di persone contrarie ad obblighi di legge che sanno molto di imposizione di comodo, il governo avrebbe dovuto tenerne una migliore considerazione. Se da un lato infatti la spinta di coloro che credono nella efficacia dei è molto alta dall’altro ci sono informazioni provenienti da molti paesi che non sono così schierati come il governo italiano. Con questo diciamo che in paesi di alto lignaggio scientifico, alla pari del nostro, non hanno adottato soluzioni così drastiche come sono state adottate da noi. Colpa forse degli italiani che non erano così civili come in altri paesi”.

 

 

Lei afferma che il Governo italiano non ci ha detto tutto. Cosa intende dire?

 

“Che ci sono documenti ufficiali da diverse fonti, ufficiali ed attendibili, che comunque esprimono dati diversi da quelli forniti dal governo italiano sugli indici di contagio, sui morti da contagio e soprattutto sull’efficacia dei vaccini. Nessuno mette in dubbio che una profilassi medicinale sia opportuna in caso come questo. Quello che è strano che in così poco tempo i vaccini son sembrati così potenti ed efficaci. E’ normale che a molti vengano in mente pavanate che sembrano coprire la poca voglia dello Stato e delle Regioni di spendere soldi in nuove attrezzature, nuove risorse umane per le terapie intensive. Forse allo Stato costa meno comprare vaccini che non investire in una sanità migliore e diversa da quelle attuale, voluta dai governi di destra e di sinistra degli ultimi 20 anni”.

 

 

Possiamo altro argomento sempre attuale, quello dei femminicidi

 

“L’attuale legge è molto carente egli strumenti per farla applicare sono inesistenti. E’ evidente che lo Stato e le Regioni sono incapaci di prevenire i femminicidi e di gestire la situazione. Questo si innesta su una incapacità generale dello Stato e dei suoi politici  come nel caso della Legge Renzi sui crimini stradali. Nessuno nega al Governo Renzi la necessità di rivedere la legge, ma se poi non la attui e non la fai rispettare, ci saranno più che negli anni precedenti crimini stradali. Purtroppo l’attuabilità delle leggi è in mano a burocrati che non hanno né voglia, né senso dello Stato per farle rispettare e come diceva qualcuno <è inutile (se non stupido) emanare leggi se poi non le fai rispettare >”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*