Pap: “I lavoratori a nero sono fantasmi anche in questa campagna elettorale”

lavoratori

Questa mattina Potere al Popolo organizzato un flash mob contro l’iniziativa del Partito Democratico, che doveva tenersi a piazza San Gaetano, con gli interventi del candidato sindaco Gaetano Manfredi e del segretario nazionale del partito, Enrico Letta. Il blitz è stato convocato per rimettere al centro della campagna elettorale il tema del lavoro nero e della gestione del turismo. Il recente sviluppo del turismo, infatti, ha cambiato il volto della città e la struttura sociale del centro storico, allontanando i residenti, per dare spazio a nuove attività commerciali, dove è frequente il fenomeno del lavoro nero. Una pratica più volte denunciata da Potere al Popolo Napoli.
I manifestanti hanno sfilato vestiti da “fantasmi del lavoro nero”, indossando dei lenzuoli bianchi e portando un “manichino fantasma” con il cartello “basta lavoro nero”.
Alla manifestazione sono intervenuti il candidato capolista al consiglio comunale Gianpiero Laurenzano, la candidata al consiglio comunale Marzia Pirone e la candidata alla presidenza della municipalità Chiara Capretti.

Laurenzano

“Letta viene qui solo quando c’è la campagna elettorale”, ha detto Giampiero Laurenzano, capolista di Potere al Popolo alle prossime elezioni amministrative. “Noi siamo sempre stati al fianco delle cittadine e dei cittadini napoletani mentre il Pd è sempre stato silente contribuendo a distruggere il mercato del lavoro e consentendo lo sfruttamento della gente. Siamo scesi in piazza per dire ad alta voce quali sono i veri problemi del centro storico di Napoli. Questa piazza è stato il teatro per anni di sfruttamento e lavoro nero: pochi metri da qui c’è Napoli Sotterranea, un bene comune di cui si era appropriato un privato, che con una falsa associazione utilizzava lavoratori a nero senza misure di sicurezza ed è stato anche condannato per violenza sessuale nei confronti di una lavoratrice. Vogliamo portare questo tema, perché con il turismo si è arricchita solo una parte della città, agli altri sono rimaste solo le briciole. Vogliamo una Napoli più giusta, non ci servono le passerelle elettorali. La nuova amministrazione dovrà fare di tutto per internalizzare questo bene, perché ciò che si guadagna qua dentro deve essere re-distribuito al resto del quartiere che sta vivendo grosse difficoltà con gli affitti che salgono e le case aumentano di prezzo”

Dopo l’intervento a piazza San Gaetano, il flash mob è arrivato alla Basilica della Pietrasanta dove era presente il Presidente della Camera Roberto Fico:
“Il Movimento 5 Stelle è in lista con Mastella, transfughi di Forza Italia e inquisiti e condannati di ogni sorta. Dov’è è finita l’onestà? Si sono alleati prima con la Lega, poi con il Pd, poi hanno sostenuto il governo Draghi. Ma con quale credibilità continuano a chiedere il voto ai cittadini e alla cittadine napoletane?”, ha aggiunto Laurenzano.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*