Di Donato: “#iononmicandido: per essere il cambiamento che vogliamo!”

Argia di Donato, avvocato napoletano e direttore responsabile di Juris News, periodico di informazione giuridica e presidente di NOMOΣ Movimento Forense, ha lanciato la campagna #iononmicandido, un invito/provocazione alla cittadinanza napoletana di votare secondo coscienza in vista delle prossime elezioni amministrative.

 

Avv. Di Donato da dove nasce l’idea #iononmicandido?

#iononmicandido – provocazione ironica sulla pletora di candidati, la maggior parte dei quali sconosciuti alla politica, in corsa per queste elezioni amministrative – vuole essere un invito alla cittadinanza a votare “secondo coscienza”.


A mio avviso si sono presentate troppe persone senza alcun trascorso o esperienza sul piano politico. Non credo, in tutta franchezza, che ci sia bisogno di tanta gente che si candidi ma di poche anime che abbiano ben chiaro cosa significhi “fare politica”: oltre ai buoni propositi e alle belle idee (sempre più scarse) occorre una visione reale, la capacità di tradurre in realtà tangibile i progetti e potenziare i servizi di una città sempre più abbandonata a se stessa. Oltre ad operare, naturalmente, una vera e propria rivoluzione culturale effettiva e “non a parole” a tappeto su tutto il territorio.

E per fare questo, occorrono qualità, capacità e motivazione che di certo non appartengono ai più.

Mi sembra di capire che lei avvocato, non abbia fiducia nei politici “dell’ultima ora”, giusto?

Effettivamente sì, non credo nei candidati “dell’ultima ora”, veri e propri politicanti più che politici. La politica è affare serio, è fatta di impegno e lavoro quotidiani. La superficialità e anche – mi si consenta – la presunzione nel voler rappresentare non si sa chi e cosa, ha davvero dell’incredibile; dove erano questi sedicenti candidati quando si trattava di fare politica attiva sul territorio?

Se tra i tanti avvocati candidati, solo per fare un esempio, qualcuno di questi avesse aderito ad uno solo dei progetti che come associazione forense NOMOΣ Movimento Forense portiamo avanti sui territori da tempo, mi sarei trovata nella difficoltà della gestione di tutta questa gente. Ed invece? Mai visto nessuno, salvando la pace di qualche collega, perché ne ha la reale e naturale attitudine.

Non basta essere avvocato, architetto, ingegnere, magistrato, professore, giornalista ecc. per essere una persona in grado di imprimere un reale cambiamento nella gestione di una città. Mi chiedo se tra tutta questa carica di candidati – esclusi coloro che fanno politica da anni, lo ripeto! –  vi sia qualcuno che sappia realmente cosa voglia dire “fare politica” per davvero.

Dov’è il progetto? E la visione? E, soprattutto, dove sono le competenze?

Possibile che tutto d’un tratto vi siano tanti cittadini pronti a cambiare la nostra bellissima città e soprattutto a risolvere i suoi numerosi problemi? Non ho visto quegli stessi cittadini denunciare la mala gestione dell’amministrazione precedente e manifestare in piazza contro il degrado imperante di Napoli, degrado effettivo da tutti i punti di vista e sotto gli occhi di tutti!

 

Non crede avvocato che candidarsi sia un modo per contribuire al cambiamento della città?

Non lo credo assolutamente. Sono convinta fermamente che si possa fare politica anche senza candidarsi, impegnandosi per il miglioramento del proprio quartiere con azioni semplici e virtuose o semplicemente amando la città come casa propria e, quindi, comportandosi di conseguenza.

Come cittadina sono stupita e anche dispiaciuta: è evidente che ormai la politica sia diventata l’ultima spiaggia, un mestiere come tanti, quando dovrebbe essere una missione. La politica, ricordiamolo, si fa per gli altri e non per sé.

 

Ha ricevuto adesioni alla campagna #iononmicandido lanciata sui social, ma non sono mancate le critiche

#iononmicandido ha una modalità scherzosa ma una finalità assai seria. Abbiamo un Comitato non elettorale e un Ufficio stampa con tanto di addetto stampa e responsabile della comunicazione. Abbiamo anche i nostri i non candidati. Sono persone che si occupano di politica da anni e che continuano a lavorare per il bene della collettività anche senza candidarsi “a tutti i costi”. Le critiche arrivano da chi sa, in cuor suo, che ciò che dico ha senso ed è espressione di rispetto per la politica e per il territorio. Chi si è sentito offeso per le mie esternazioni, è proprio chi di politica non si è mai occupato se non verbalmente e a parole o sui social, si intende.

Lo trovo ridicolo, e non ho paura a dirlo.

 

Perché lei che invece è da sempre impegnata politicamente, ricordo da ultimo la recente manifestazione in difesa dei diritti delle donne afghane con la collega Valeria Montagna, non ha accettato di candidarsi?

Non bastano cento like a qualche foto sui social. Men che meno bastano cento like a book fotografici di campagne elettorali improbabili e di soli due mesi.

La politica si fa per la strada, ascoltando le domande e provando a dare delle risposte. Ho tante idee ma non ho le competenze per rappresentare niente e nessuno e dato che la professionalità tecnica non si può acquisire sulla pelle dei cittadini, preferisco continuare a fare quello che faccio da sempre per passione, accumulando esperienza, conoscenza e competenza sul campo.

 

Cosa pensa dei candidati a sindaco della nostra città?

Mi sembrano tutte ottime persone, preparate nelle proprie aree professionali, qualcuna con un passato politico alle spalle, qualcun’altra no.

Certo l’alleanza tra Pd e cinque stelle non mi è piaciuta per niente. Sono lontana dalla destra di Salvini, e la sinistra ha ha fatto troppi errori che oggi è costretta a scontare.

Napoli è una città complessa. È un coacervo di contrapposti e di luce e di ombre troppo distanti. Si fa fatica a tenere unito ciò che differisce per natura e destinazione. Per questo motivo, l’amministrazione della nostra vasta area metropolitana con tutte le problematiche annesse è cosa assai difficile, necessita di spessore umano, autorevolezza, competenza, cultura e intelligenza. Ci vuole, insomma, un/a uomo/donna particolarmente eccezionale. Che abbia, cioè, idea di ciò che sta andando a fare. Perché il fare è ciò che conta.

Napoli ha bisogno di un progetto concreto e di un buon amministratore. Errori non ce li possiamo più permettere.

 

E allora cosa consiglia ai cittadini?

Consiglio ai napoletani di riflettere seriamente a chi dare il proprio voto. La nostra città esce da un decennio pericolante, è in una condizione di abbandono totale: Napoli merita davvero di più. E dipende da noi. È la nostra casa, sta a noi prendercene cura.

Per rispondere nello specifico alla sua domanda, voterei solo chi si spende per il territorio da sempre e non chi si è improvvisato, affollando il web con foto e proclami su eventuali propositi, molti dei quali neanche originali.

Spero davvero che i napoletani votino guardando ai meriti, alla serietà, sobrietà e determinazione dei singoli candidati. In uno, si intende, alla capacità di realizzare per davvero ciò che gli stessi si propongono di realizzare.

 

Mi sembra di leggere del pessimismo tra le righe. Non è lei che dice che è possibile cambiare se si vuole veramente?

Al contrario, tutt’altro. Sono un’ottimista per natura, ma son anche osservatrice e riflessiva, e soprattutto ho un buon rapporto con il principio di realtà. Il cambiamento è parola assai complessa, impegnativa, a volte pericolosa, ma di cambiamento si può davvero parlare quando ci sono i presupposti reali e sostanziali, non solo formali o verbali. Il cambiamento presuppone una scelta. E la scelta presuppone a sua volta la consapevolezza di ciò che si vuole veramente.

Napoli cambierà quando sarà pronta a cambiare. Chi fa politica per davvero lo sa. Non ci si può improvvisare, lo ripeto.

Impegno e lavoro. Visione e determinazione. Ascolto e concretezza. Onestà e sintesi. Efficienza e trasparenza. Belle parole? Quelle le so dire anche io e per questo #iononmicandido.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*