Clemente: “Dalla Galleria Umberto a Sant’Anna di Palazzo”

clemente

Ieri ho passeggiato per la I Municipalità insieme al candidato presidente Franco Rendano e ai candidati consiglieri al Comune e a alla Municipalità e Francesco Carignani, MariagraziaSantosuosso e altri candidati.
Siamo partiti da Mary la pasticceria nella Galleria Umberto famosa nel mondo per le sue sfogliatelle, un’eccellenza napoletana al femminile.
Siamo passati a salutare poi i tanti gestori dei negozi e dei locali di via Roma tra i quali lo storico acquafrescaio di piazza Trieste e Trento, Luise e il Gambrinus e abbiamo proseguito ai gradoni di Chiaia nei Quartieri Spagnoli dove i ristoranti e i bar si sono moltiplicati negli ultimi anni in contemporanea con il grande sviluppo che ha avuto il turismo a Napoli.

Priorità

Gli stimoli dei commercianti confermano quanto già inserito nel mio programma, tra le priorità da realizzare nei primi mesi da sindaco é necessario pedonalizzare sempre più il centro storico e assicurare una maggiore pulizia e sicurezza con turni di lavoro notturni e realizzare bidoni della spazzatura interrati per un maggior decoro. Inoltre bisogna vigilare per assicurare un turismo di qualità e regolamentare la movida affinché Napoli non diventi un luna Park a cielo aperto ma venga valorizzata la sua identità più profonda e autentica fatta da ristoratori storici e botteghe artigiane e dove vanno moltiplicati gli spazi dedicati ai giovani e agli anziani.
In questo senso un progetto cui tengo particolarmente e che ho realizzato con le deleghe ai Giovani e al Patrimonio cui ha dato un grande supporto Francesco Carignani, già consigliere della I Municipalità, è quello dell’EX MERCATO DI SANT’ANNA DI PALAZZO.
La struttura, costruita dal celebre architetto Salvatore Bisogni negli anni ’80, è purtroppo caduta in disuso dopo alcuni anni, diventando un ricettacolo di spazzatura.

Con Asia e Napoli Servizi abbiamo ripulito, in 21 giorni, dieci anni di rifiuti abbandonati, bonificando e sanificando la struttura

Il passaggio successivo è stato di convocare due assemblee di quartiere e chiedere di cosa il territorio avesse più bisogno. Le risposte sono state prevalentemente uno spazio per i giovani della zona, per permettere di investire il loro tempo libero in maniera sana, lontano dalla delinquenza.
Le risposte dei ragazzi sono state le nostre linee guida per formulare un bando di affidamento della struttura tramite una procedura ad evidenza pubblica.
Espletato il bando tra poco inizieranno i lavori che porteranno la struttura abbandonata a diventare uno spazio aperto alla città, una vetrina per i prodotti del Made in Naples nella corte scoperta e uno spazio dedicato ai giovani dove possano studiare e confrontarsi, con numerose attività tra cui una biblioteca.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*