Vergani, RES: “C’è solo frenesia per il potere e per il denaro”

napoli

Il mondo politico è in fermento perché a ottobre si voterà in molti comuni.

In particolare a Napoli c’è una situazione magmatica in continua evoluzione i cui esiti sono ancora incerti.

Abbiamo, così, chiesto a Stefano Vergani, presidente di RES (www.terzares.org) qual è il suo punto di vista in merito.

 


RES

 

“Il movimento RES ( www.terzares.org ) nasce nel 2016 per volontà di alcuni ex aderenti a diversi movimenti liberali, dopo le tornate elettorali precedenti, con l’obiettivo di provare veramente, a rilanciare una politica diversa e idealista non più dipendente dai poteri forti dell’economia e dell’oligarchia politica dei partiti convenzionali. Per anni abbiamo evitato di impegnarci in modo diretto ma quest’anno avevamo ritenuto fosse giunta l’ora con le elezioni a Napoli, un vero e proprio laboratorio con diversi motivi per cui impegnarsi. Non con una lista diretta e univoca, ma confrontandoci con liste civiche seriamente intenzionate a cambiare Napoli e quindi approfittando del salvacondotto offerto dalla bassa percezione della politica dopo le ultime guide Dema e Bassollino per citarne alcuni”.

 

Brutto risveglio

 

“Ci sono stati contatti, diretti ed indiretti, con tutti gli schieramenti (a parte quello dell’ex Assessore Clemente ) e per noi è stato un brutto ed inaspettato risveglio.

Non avremo mai immaginato di confrontarci con personalità così contorte, contaminate da anni di malaffare, di scarsa professionalità e visione. Ci siamo spaventati dal bassissimo livello d preparazione e di serietà di tutti coloro con i quali ci sono stati contatti e questo ci ha fatto capire perché Napoli e perché il paese sono nelle condizioni che tutti ormai consociamo. Una deriva verso il basso che porta l’intera nazione ben oltre la raschiatura del barile. Scarsità di valori morali, di volontà politica per il bene delle Istituzioni e, soprattutto, una conduzione affaristica inimmaginabile al peggior pensiero.

Morale della favola: abbiamo deciso di abbandonare il test Napoli e non sostenere nessuno di coloro che anelavano ai nostri voti per impossessarsi della città per poterla sodomizzarla al meglio della loro avidità”.

 

Nessun programma ricevuto

 

“Ci sono state fatte delle offerte ma abbiamo rifiutato. Dopo tre mesi di richieste di avere il loro programma, non abbiamo ricevuto nulla.

Non c’è programmazione ma solo la ricerca di poltrone e incarichi per se e per gli amici che, fatti lavorare (secondo quanto la legge consente…ma probabilmente anche oltre), potranno intascare laute prebende.

Direte: “Tutto il mondo è paese “…e invece NO! Probabilmente gli interessi economici ci sono dovunque giri il soldo e ci sono poteri autorizzati a spendere e spandere…ma perché in molti paesi comunque le cose funzionano? Purtroppo ci sono solo frenesia per il potere e per il denaro”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*