De Luca, PaP: “Lo stato di abbandono in cui versa Volla è lo specchio di un abbandono morale, sociale, culturale e politico”

volla

Lo stato di abbandono in cui versa #Volla è lo specchio di un abbandono morale, sociale, culturale e politico.
Eppure tra poco vi prometteranno mari e monti, di fare tutto ciò che non hanno fatto quando amministravano, quando avevano il potere e il dovere di soddisfare i diritti, i bisogni e i desideri della maggioranza dei cittadini vollesi.

Precondizione

Io penso che non bisogna promettere niente se la promessa non è una precondizione, se non è un impegno quotidiano già ampiamente dimostrato sul campo – senza doppi fini e tornaconti personali.
Sono molti i politici o pseudo tali che che continuano a spacciare per “regalo” e per “favore” ciò che invece è un diritto sacrosanto e incontestabile di chi paga le tasse e vive qui. Del resto non è colpa loro: sono abituati così. E sono abituati a servirsene, a considerare gli abitanti vollesi come pacchetti di voti da smistare di qua e di là, un po’ a destra e un po’ a sinistra ad ogni tornata elettorale quasi come in un centro di Amazon.

Paghiamo il conto

E’ un modo di fare politica, un modo di vivere e un modo di costruire fortune (individuali e elettorali) che ha caratterizzato gli anni peggiori del nostro paese. E ne stiamo pagando il conto.
Adesso, però, è il momento di uscire allo scoperto. Volla merita di meglio: non può essere la terra di conquista dei baroni del voto organizzato né dei capibastoni comandati dalle istituzioni nazionali e regionali.
E’ la volta buona per cambiare tutto, per dare luce ad un progetto che nasce dall’unione di uomini e di donne oneste, preparate e determinate.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*