Clemente: “La coerenza delle Liste Elettorali”

clemente

Attorno alla composizione delle liste dei #candidati in gara si sta annidando un sistema di potere e di trasformismo figlio della somma di interessi personalistici di cui sono intrise queste mega coalizioni e che in alcun modo coincidono con gli interessi dei napoletani.
Sono settimane che infatti stiamo assistendo a uno spettacolo indecente: matrimoni tra partiti, movimenti e gruppi da sempre avversari, candidati che bussano alla porta di tutti gli schieramenti in campo pur di garantirsi la possibilità ritenuta più agevole per raggiungere una poltrona, coalizioni che, da un lato si sgolano a criticare l’intero operato dell’ultima amministrazione comunale e dall’altro, spalancano le porte a decine di assessori, consiglieri, dirigenti apicali che di quell’amministrazione sono stati nel bene e nel male la spina dorsale.
A parole invocano il cambiamento e nei fatti accolgono a braccia aperte i protagonisti di una stagione che loro stessi hanno definito disastrosa. Delle due l’una: o sono in malafede quando esprimono i loro giudizi, o sono incapaci di scegliere i propri alleati.
Io credo fortemente che dalle liste devono emergere quelle “energie migliori, che non sono solamente della #politica”, di cui ha parlato in una lettera il prefetto Valentini.

Contributo alla loro terra

Associazionismo, imprenditoria, talenti che rientrano dall’estero per dare un contributo alla loro terra, sono queste le forze che metteremo in campo per costruire il futuro della città.
Due esempi: @MarcoGiacalone e @RobertoAngrisani, docenti universitari, 33 e 34 anni, che da Belgio e Francia aderiscono alla sfida politica per Napoli, per candidarsi nella nostra coalizione e portare il valore delle esperienze, di competenze e visione internazionale maturate all’estero.
Ragazzi e ragazze che devono trovare qui lo spazio e le opportunità che si meritano e che come sindaco mi impegnerò a costruire, per le tante menti che via da #Napoli, portano con loro un pezzo brillante del nostro futuro.
Giovani che, con grande impiego di risorse pubbliche, i nostri atenei hanno contribuito a formare, esportando quell’eccellenza della scuola napoletana che ha permesso loro di raggiungere prestigiose posizioni lavorative.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*