Pirone, PaP: “Di quale mare stiamo parlando?”

Inferiore

Così marzia Pirone sulla sua pagina Facebook:

30 gradi all’ombra ed elezioni amministrative alle porte: non si respira. Il clima è perfetto per parlare di un argomento che piace a tutti, ma proprio tutti (se invece siete tra quelli che preferiscono la montagna probabilmente siete nati sopra Trieste e comunque parliamone): IL MARE.
Mare bello, mare pulito, mare che va tutelato ecc.
Tutto giusto. Solo una cosa mi perplime e sarà il caldo ma non riesco a smettere di pensarci.
Ma di quale mare stiamo parlando?
No, perché a me pare che il mare a Napoli sia tutto un susseguirsi di cancelli, cancelletti, guardiani, lidi, club, associazioni private, divieti di accesso, sbarre e catenacci.

Concessioni imbarazzanti

Da un lato ci sono i lidi come il Bagno Elena Napoli o il Lido Sirena Napoli che ogni anno aumentano i prezzi e da generazioni fatturano (si fa per dire) milioni di euro sfruttando un bene pubblico e pagando concessioni a dir poco imbarazzanti.
Dall’altro lato poi ci sono tutte quelle ville e quei parchi con la discesa a mare privata come il Parco Sud Italia o RIVA FIORITA i cui residenti ogni anno si barricano sempre più per garantire a loro stessi e ai loro amici “un posto al sole”.
Questi non si limitano solo ad impedire l’accesso via terra con i soliti stratagemmi (Do u remember il blitz nel Club della Zafferana riservato solo ai “soci”?), ma anche via mare ai cittadini che cercano di raggiungere la costa remando o nuotando!
Questo vuol dire che la stragrande maggioranza dei napoletani il mare a Napoli se lo deve proprio sudare.
E allora mi domando, ma di quale mare stiamo parlando?
Perché o si aprono i cancelli, i lucchetti, le sbarre e le catene o la tutela del mare diventa la difesa del proprio posticino al sole.
O si garantisce l’accesso al mare libero e gratuito per tutti e tutte o si vogliono difendere i privilegi di pochi.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*