Clemente: “La nostra Pizzeria dell’Impossibile”

mare

Insegnare ai ragazzi dell’area penale l’arte del pizzaiolo napoletano e a sfornare pizze che poi vengono servite agli ospiti del vicino Centro di Accoglienza per i senza dimora del Comune di Napoli, significa non solo insegnare loro un mestiere, ma soprattutto la dignità, il rispetto, la libertà.
Oggi c’è stata la cerimonia di consegna degli attestati di formazione in pizzaioli tenuto dall’associazione-pizzeria dell’Impossibile gli Scugnizzi diretta da Antonio Franco con il supporto di Fratelli la Bufala e l’azienda Torrente nell’ambito del progetto “Pizzeria dell’Impossibile” promosso come Assessore al patrimonio e ai giovani.

Dal 2013, 190 ragazzi sono passati di qui e oltre 60 hanno trovato un’occupazione stabile dopo la formazione

Questo immobile, di proprietà del comune di Napoli, è destinato a quest’attività che restituisce un’opportunità di crescita importante ai nostri ragazzi.
Voglio moltiplicare, partendo da questa buona pratica, in altri beni del Comune di Napoli, ancora non valorizzati, progetti di formazione ed inclusione di questo tipo insieme a imprenditori sensibili e attenti come quelli che sostengono tutte le attività della nostra “Pizzeria dell’Impossibile”.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*