Clemente: “Nessun progetto presente o futuro di città può fare a meno del lavoro come strumento essenziale e prioritario”

clemente

Sono partiti i licenziamenti delle 340 lavoratrici e lavoratori della Whirpool che negli ultimi mesi avevano addirittura raddoppiato la produzione dimostrando il valore del loro impegno.
Chiudere è una scelta scellerata per le persone a cui viene tolto il lavoro, diritto fondamentale, e per il Sud che si sta inesorabilmente desertificando di imprese ed economia sana.

Mi appare poco rispettosa anche la proposta di spostare operaie e operai in un altro stabilimento al nord

Come fossero pacchi si vogliono manipolare vite, smembrare affetti, distruggere famiglie.
L’altra proposta è una buonuscita, denaro in cambio della dignità che il lavoro rappresentata per ogni persona.
Nessun progetto presente o futuro di città può fare a meno del lavoro come strumento essenziale e prioritario.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*