Granato, PaP: “Queste esperienze sono seme di futuro”

futuro

Ieri pomeriggio sono stato a una delle assemblee che Potere al Popolo – Napoli sta lanciando in tutte le municipalità del capoluogo partenopeo, anche in vista delle elezioni d’autunno.
Sono stato nel quartiere in cui vivo, il Rione Sanità. Un quartiere che viene definito “popolare”. Solo che quando dici popolare quasi sempre la prima associazione che fai è con “povero”.

Io voglio raccontarvi l’altro significato di “popolare”

La signora Rosaria, attivista del Comitato NO alla chiusura dell’Ospedale San Gennaro, vive su una rampa di scale cui gli autoveicoli non hanno accesso. Con questa scusa le istituzioni lasciano perennemente che l’immondizia si accumuli: erbacce, veri e propri alberi che nascono nel cemento, buste, lattine, cartacce. Le blatte ovviamente ci sguazzano.
Gli abitanti di quel pezzo di Rione Sanità si sono auto-organizzati e hanno disinfestato e ripulito, mettendo anche mano alla tasca. Vi assicuro che a guardare le foto, il “prima e dopo” erano due mondi diversi.
“Popolare” significa anche questo: organizzazione del popolo, senza aspettare le istituzioni (ma rivendicando sempre che intervengano, perché strade pulite sono un diritto non solo se vivi nei quartieri bene).

Solidarietà

Pina, altra attivista del Comitato San Gennaro, invece, vive in una via cui le fogne rimangono spesso otturate e l’immondizia si accumula ai bordi della strada. Ogni mattina Pina ripulisce decine di metri di strada pubblica e, insieme a chi lì vive come lei, nell’assenza delle istituzioni si ingegna a trovare qualcuno che sblocchi le fogne. Oltre ad accogliere a casa sua – che è anche quel pezzo di strada – decine di bambini del quartiere, per una merenda, per permettergli di giocare insieme.
“Popolare” è anche questo: solidarietà.
Queste esperienze sono seme di futuro.
Bisogna mettersi in ascolto e imparare ad apprendere.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*