Clemente: “Ringrazio il TE.AM. Centro Studi Internazionale per il Territorio, l’Ambiente e I Beni Culturali”

bullismo

Ringrazio il TE.AM. Centro Studi Internazionale per il Territorio, l’Ambiente e I Beni Culturali per avermi invitato ad una proficua mattinata di incontro e discussione sull’Ambiente durante la quale mi ha fatto piacere confrontarmi su di un tema per me fondamentale e ricevere dagli eminenti studiosi presenti interessanti stimoli di riflessione.
Ci tengo a riassumere i punti centrali del mio intervento aggiungendo ad essi altri elementi della mia visione di una Napoli in cui il mare e i parchi siano dei napoletani e delle napoletane e l’ecologia sia dovere e diritto di tutte e di tutti.
Innanzitutto la città che immagino è una Napoli dei 15 minuti in cui in ogni municipalità e i singoli quartieri abbiano a disposizione i servizi essenziali per le persone: asili, centri giovanili, centri per gli anziani, per le donne etc.
Questo garantirebbe da un lato una sostenibilità ambientale maggiore con una riduzione degli spostamenti quotidiani delle persone (penso ad un genitore che prima di andare al lavoro non debba più attraversare la città per portare il figlio all’asilo) dall’altro una maggiore indipendenza e responsabilità delle municipalità che avranno il compito di individuare le problematiche e risolverle nonché progettare nuovi investimenti strutturali locali con un alleggerimento della macchina burocratica.
L’amministrazione in questi anni ha scontato una grande riduzione del personale che va assolutamente colmata con risorse umane giovani e competenti e una riforma delle procedure e delle metodologie della p.a..

Efficienza e stabilità

È fondamentale assicurare l’efficienza e la stabilità delle risposte pubbliche con l’introduzione di metodologie e procedure più veloci e digitali nonché con il monitoraggio degli interventi e dei risultati.
È fondamentale che siano le generazioni di oggi i primi attori della progettazione degli interventi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza perché esso fa parte del programma Next Generation EU che prevede che siano proprio le giovani generazioni ad avere i benefici degli interventi e a restituire gli investimenti negli anni successivi.
Il contributo delle realtà sociali e culturali alla gestione dei servizi è stata molto importante in questi anni e va sempre più valorizzata.
D’altra parte rivendico la centralità del pubblico nello stare accanto alle persone e prendersi cura delle fragilità per evitare che si insinui il clientelismo nei servizi essenziali o che le disuguaglianze economiche ci rendano cittadini di serie A o di serie B!
Perché la città sia realmente ecosostenibile va fatto un progetto serio di rete tranviaria che colleghi e renda fruibili i beni ambientali e culturali della città e dell’area metropolitana.
Penso quindi al tram del mare che oggi collega San Giovanni a piazza Municipio e che dovrebbe raggiungere Posillipo e poi Bagnoli e perché no l’area flegrea in un’idea di mare di tutte e di tutti.
In questi anni mi sono battuta per il mare pubblico liberando ad esempio la spiaggia delle Monache.
Ora penso a più litorali da bonificare, liberare. Penso alla valutazione di progetti per ricreare l’accesso al mare sul lungomare ricreando la famosa spiaggia della Chiaia, penso alla possibilità di restituire ai cittadini il Molo di San Vincenzo ed il litorale di San Giovanni a Teduccio.
Lo stesso deve valere per la creazione di un percorso circolare di tram o bus elettrici che colleghi i grandi polmoni verdi della città dai Camaldoli a Capodimonte al parco delle colline di Napoli, il Frullone, lo Scudillo, fino alla villa Comunale, al parco Viviani, alla Floridiana, al Virgiliano.
Sicuramente il come fare tutto questo deve essere chiaro e mi è chiaro: dialogo con la Regione e con tutti i comuni dell’area Metropolitana su progetti ultra ventennali come la prosecuzione della linea dei treni circumflegrea che andrebbe estesa fino al litorale Domizio con le sue spiagge lunghissime e l’immensa pineta martoriata dagli abusi edilizi, grandissimo patrimonio poco valorizzato che sconta lo scotto di progetti e bonifiche mai realizzati. Potenziamento della nostra Anm.
In città va assolutamente scoraggiato l’uso delle auto con un incremento delle limitazioni e la chiusura di aree piu vaste al traffico, come il centro storico di Napoli. Il tutto sorretto dal PUMS il piano Urbano della Mobilità Sostenibile. Sosta pubblica intelligente, nodi di interscambio, uso delle nuove tecnologie a supporto della viabilità e delle corsie preferienziali da dedicare a taxi e trasporto pubblico.
Il trasporto ecologico deve essere soprattutto pubblico e pubblico non di linea. Alle nostre tassiste, sono 15 fortissime donne che ho avuto il piacere di conoscere personalmente e ai nostri tassisti, deve essere dedicato un piano comunale per il rinnovo delle vetture in elettrico e un ruolo centrale nelle azioni per “eliminare il traffico”.

Costo accessibile

Non credo che al momento la soluzione ideale sia quella delle auto elettriche private che hanno un costo accessibile a pochi soprattutto se utilizzate per uscire dalla città.
In città con l’introduzione dei nuovi treni della linea 2 puntiamo a incrementare le corse a una ogni 3, 4 minuti con un’estensione oraria con ultima partenza alle 24 infrasettimanale e alle 2.00 dal venerdì alla domenica.
Un obiettivo importate è quello di ridurre gli inquinanti a partire dall’eletrificazione dei servizi portuali e dalla scelta di valorizzare i beni comuni attraverso percorsi di impegno sociale e culturale che mettano in pratica una gestione ecologica a emissioni zero quindi con l’utilizzo di pannelli solari per loro come per tutto il patrimonio pubblico della città.
Vanno create nuove aree parcheggio fuori città in prossimità delle metro con prezzi accessibili.
L’ambiente è la nostra vita.
Per ogni bambina e bambino che nasce, come monito culturale e sfida politica, a Napoli pianteremo un albero.
La vita dell’umanità va di pari passo con la vita del nostro pianeta, è il diritto al benessere e deve essere il diritto di tutte e di tutti. Oggi e nel nostro futuro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*