Potere al Popolo ha manifestato davanti alla sede di Confindustria Napoli contro lo sblocco dei licenziamenti

napoli

Oggi Potere al Popolo ha manifestato davanti alla sede di Confindustria Napoli contro lo sblocco dei licenziamenti.
Il movimento politico è sceso in piazza in oltre 30 città, per ribadire che da domani si perderanno 600 mila posti di lavoro.

Potere al popolo chiede nessun licenziamento senza

-estensione e rafforzamento del reddito di cittadinanza e del sussidio di disoccupazione;
-riforma degli ammortizzatori sociali;
-nazionalizzazione delle imprese in finta crisi (quelle che vogliono licenziare per salvare i profitti ma che mantengono fette di mercato);
-lotta ai contratti pirata e introduzione di un salario minimo mensile;

Le nostre priorità sono la vita, il lavoro, il salario, la dignità del nostro popolo.

Chi persegue altri interessi va mandato a casa!

“Lo sblocco dei licenziamenti aprirà la strada a forme di lavoro sempre più precarie. Hanno fretta di sostituire i dipendenti più garantiti con una forza lavoro debole, vanno e’ pressa. Tutto per favorire l’aumento della produzione, risparmiando sulla sicurezza e i diritti dei lavoratori. È quello che è successo a Luana D’Orazio, morta perché avevano rimosso le misure di sicurezza, perché andavano di fretta, ad Adil a Novara e agli altri lavoratori della logistica aggrediti durante gli scioperi.
Il nostro governo ascolta solo la Confindustria, noi di Potere al Popolo siamo qui per dimostrare la nostra solidarietà a tutte le lavoratrici e i lavoratori”. Così Gianpiero Laurenzano, coordinatore cittadino di Potere al Popolo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*