Vergani, RES: “Numeri drammatici, per Napoli ed i napoletani occorre un cambio di passo”

fico

In questi giorni l’ANSA ha diffuso i dati Inps del mese di maggio sulla distribuzione del Reddito di Cittadinanza. In Campania ben 275.000 famiglie percepiscono il Rdc, lo stesso numero di quanti nell’intero Nord Italia. Numeri che fanno impressione e con le elezioni di Napoli alle porte, ci chiediamo come reagiranno i politici su questo aspetto.

Abbiamo, così, chiesto al presidente Stefano Vergani di RES qual è il suo punto di vista in merito e quali soluzioni propone.

 

Numeri drammatici

 


“Sono dati su quali investigare. Ma non farei subito un processo alla Campania come regione poco virtuosa. Forse è dipeso dal fatto che in Campania ci sono le più stridenti contraddizioni. Certo che se manca il lavoro è normale che vi siano tante domande. Per come abbiamo vissuto il territorio in questi ultimi 2 anni, abbiamo rilevato una forte voglia di dignità attraverso il lavoro. Le uniche colpe che vedo sono quelle di politici e amministratori come Luigi Di Maio che invece di programmare infrastrutture e investimenti in regione hanno mostrato una totale negligenza”.

 

5.868 furbetti del Reddito di Cittadinanza

 

“Tra loro anche intestatari di ville e auto di lusso, evasori totali e mafiosi con condanne definitive. Le investigazioni hanno permesso di rilevare oltre 50 milioni di euro indebitamente percepiti e circa 13 milioni di euro di contributi già richiesti e non ancora riscossi. L’attività delle Fiamme Gialle ha permesso di smascherare 3.546 evasori totali, ossia imprenditori o lavoratori autonomi completamente sconosciuti all’amministrazione finanziaria e 19.209 lavoratori in nero o irregolari. Sono state denunciate oltre 10.000 persone, di cui quasi 300 arrestate. Questa azione di legalità è la ricompensa agli sforzi delle forze dell’ordine ed i servitori dello Stato di salvaguardare la correttezza delle operazioni e poter così donare a chi ne ha veramente bisogno.

 

Come incideranno le elezioni amministrative su questi aspetti?

 

“Nessuno ha la sfera di cristallo ma siamo scettici sulle capacità e volontà di molte forze che cercano di farsi spazio a gomitate nella querelle elettorale.

Abbiamo parlato con alcuni dei candidati e con alcuni abbiamo avuto risposte idonee. Altri, invece, si sono mostrati i soliti accattoni del voto, pronti a promettere la luna. Non abbiamo chiesto né poltrone né incarichi ma abbiamo invece offerto la possibilità che nella lista civica nella quale confluirà RES ci sia un Comitato di valutazione dell’applicazione del programma condiviso, Una sorta di monitoraggio indipendente dagli alleati che prevenga eventuali ritardi nell’attuazione di alcuni punti del programma o che possa rilanciare altri punti del programma”.

 

Chi sono gli elettori di RES a Napoli?

 

“I sostenitori di RES sono di diverso profilo con una fattore in comune: ritengono che non ci sia alcun movimento che sia migliore di RES per l’etica comportamentale e per l’avere tra le file persone nuove ma con esperienze di gestione. All’interno di questo concetto ci sono molti privati, tra cui pensionati casalinghe, imprenditori di cui molti appartenenti al circuito AISOM, lavoratori ed anche appartenenti alle forze dell’ordine, sportivi, volontari di ONLUS, impiegati del terzo settore e varie associazioni. Un panorama eterogeneo ma compatto nei principi”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*