Prinzi, PaP: “Questo è essere comunità, questo è crescere insieme”

comunità

Da stamattina il telefono mi squilla di continuo: in effetti quello di Potere al Popolo è stato bel sasso lanciato nello stagno della politica napoletana!
Sono usciti un po’ di articoli, veritieri come questo del Mattino, e infamanti come quelli di destra, PD e bassoliniani impazziti…
Ho avuto l’impressione che in molti avevano già la narrazione pronta su di noi: “i soliti estremisti, settari, con cui non si può fare nulla”, e ora siano rimasti delusi.
D’un tratto Potere al Popolo è uscito dal cono d’ombra in cui volevano relegarlo, e tutti sembrano essersi accorti del peso che abbiamo e che entra pienamente dentro la competizione.
Come scrivono sul “Mattino”: “l’asse si sposta decisamente a sinistra”, “la scelta del partito nato dall’ex OPG di Materdei potrebbe non rivelarsi di secondo piano per il destino delle elezioni”.

Secondo me non hanno torto

Dal marzo 2018 Potere al Popolo ha partecipato a Napoli a ben tre tornate elettorali, in cui ha sempre raccolto fra il 2,9 e il 2,7. Purtroppo non siamo mai riusciti a eleggere per il sistema di voto anti-democratico che fissa uno sbarramento almeno al 3%.
Va da sé che Potere al Popolo punta sempre ad eleggere, non a fare testimonianza (per quello ci sono i mille partitini uno più comunista dell’altro), o fare solo conflitto sociale – quello lo continuiamo a fare prima, dopo e durante le elezioni e certo non abbiamo bisogno delle elezioni per scoprire che la lotta e la partecipazione sono il cardine dell’agire politico e non il voto ogni cinque anni…
Anzi in quelle lotte ci piacerebbe vedere più compagni “duri e puri” di solito molto attivi su facebook.
Se nel novembre 2017 siamo nati, è per riuscire a portare dentro il Palazzo quelli che ogni giorno fanno conflitto e tutti gli invisibili non-rappresentati, perché questioni come lo sfruttamento, la redistribuzione della ricchezza e la socializzazione dei mezzi di produzione siano messe all’ordine del giorno del dibattito politico e mediatico.
Puntiamo ad eleggere, ma a differenza degli opportunisti non a tutti i costi, perdendo la nostra identità, andando con chiunque o facendo liste di sinistra che cambiano a ogni elezione. Pensiamo che bisogna dare continuità a nome e simbolo, usare l’attivazione e la visibilità elettorale per costruire organizzazione.

Discrimine anti liberista

Mantenendo una discriminante anti-liberista nelle alleanze, motivo per cui non siamo mai andati con quelle forze di centrosinistra o di centrodestra che ci hanno massacrato (a differenza dei traditori 5 Stelle).
Come aveva scritto il nostro Coordinamento Nazionale alla nomina di Draghi: “in questo momento di svolta per il paese sentiamo la necessità e l’urgenza di ricostruire una rappresentanza popolare e di unire tutte le forze sociali e politiche intenzionate a lottare contro il governo Draghi e tutto ciò che rappresenta”.
Con questo spirito abbiamo iniziato a costruire mesi fa la nostra partecipazione a una tornata difficilissima, in cui a Napoli erano in campo – solo nello spazio fra sinistra e centro – già 4 candidati sindaco, 25 liste, 1000 candidati al consiglio comunale!
Siamo partiti dall’inchiesta e dal confronto con le lotte, dalle scuole, dai posti di lavoro, dal “tu ci chiudi tu ci paghi”, dai migranti, dalla distribuzione di pacchi per i senza tetto, dai luoghi del lavoro nero, dai disoccupati… Appena il Covid ha allentato la morsa, a febbraio, abbiamo lanciato un appello alle associazioni, ai comitati, ai centri sociali cittadini, alle altre forze politiche (https://poterealpopolo.org/napoli-2021-non-restiamo-a…/). Abbiamo fatto assemblee popolari sui quartieri, confronti sul programma.
Abbiamo registrato che tutti avevano già scelto fra i campi esistenti. Gente che stava a sinistra era andata con il candidato di destra, altri migravano verso il PD, altri confermavano la fiducia all’amministrazione uscente…

Ci restava la possibilità di andare da soli

O di avviare una trattativa che mettesse al centro la costruzione di una coalizione alternativa al centrodestra e al centrosinistra. Una coalizione che avrebbe certo visto Alessandra Clemente, esponente della forza più rappresentativa, candidata sindaca, ma che avrebbe avuto una sua definizione di chiara alternativa al PD anche al ballottaggio, che avrebbe riconosciuto una discontinuità con la precedente amministrazione anche nelle candidature, che avrebbe ricentrato il programma e la campagna su temi sociali e di rottura.
Sabato scorso la delegazione incaricata ha riportato alla nostra base gli esiti della trattativa avuta con De Magistris e Clemente. Anzi ha fatto di più: ha chiuso questo percorso pubblicamente, con un dibattito franco e trasparente davanti alla città, ascoltando anche chi non era di PaP.
Ieri abbiamo invitato i nostri quasi 300 aderenti su Napoli a votare: si va da soli o con una coalizione con queste caratteristiche? L’80% ha scelto di provarci.
Ha scelto, pur consapevole dei rischi, di entrare in uno spazio di sinistra più largo per cercare di caratterizzarlo con le sue proposte, per cercare di fare egemonia in pezzi di società più larghi.


A vedere le reazioni, credo che abbiamo fatto bene

Ma è presto per dirlo. Se sarà stata una buona scelta, lo misureremo da quante persone abbiamo aggregato, da quante abbiamo convinto, da quante ne abbiamo elette dentro il Consiglio Comunale, dentro le municipalità, per fare controllo popolare, per far sentire il fiato sul collo a chi comanda…
Lo misureremo dai temi che saremo riusciti a portare dentro a questa campagna, dalle proposte concrete.
Questo credo che interessi a serva alla nostra gente.
Per il momento però mi sento davvero felice del percorso che abbiamo seguito: ma chi, nella politica di oggi, fa decidere la base, segue questo metodo aperto, trasparente, fatto di tante assemblee, di continui aggiornamenti, di un coinvolgimento ampio?
Questo è essere comunità, questo è crescere insieme!
Venite a darci una mano, sarà una campagna bellissima!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*