Prinzi, PaP: “Questo è essere comunità”

prinzi

Un momento della splendida assemblea di ieri a Napoli di Potere al Popolo. Ho avuto l’onore di aprirla e sotto vi metto qualche estratto dell’intervento per farvi capire il senso di quello che stavamo facendo.
Centinaia i presenti, decine gli interventi in cui si è discusso di come andare alle elezioni, di che contenuti e lotte portare, a partire da quella del Movimento Migranti e Rifugiati Napoli con cui il 17 giugno saremo in piazza.
Una cosa mi ha colpito: i giornalisti che sono venuti non sapevano come raccontare la cosa, per il semplice motivo che NON LA FA NESSUNO! Nessuno infatti ha il coraggio di sfidare la piazza, di fare un dibattito franco e aperto, di far votare la base e centinaia di aderenti sulla piattaforma online.

La nostra diversità è nel merito e nel metodo

Come ho provato a spiegare qui sotto. L’intervento integrale lo trovate sulla diretta di Potere al Popolo – Napoli. Intanto buon voto a tutte le aderenti e agli aderenti di Napoli su poterealpopolo.net.
“Grazie a tutte e tutti di essere qui, e benvenuti in quello che per due ore sarà uno spazio liberato, così diverso da tutti quelli che attraversiamo ogni giorno. Uno spazio di discussione, di condivisione di esperienze, anche di sogno, speriamo…
A me è stato dato il compito di spiegare cosa andiamo a fare stasera. Perché, diciamoci la verità, quello che stiamo facendo è un po’ da pazzi. Tutti quelli che siete qui siete un po’ pazzi… Ora vi dico perché.
Molti, più furbi, ci dicono che la politica non si fa così.
Innanzitutto: non si fanno le iniziative in piazza. In piazza può succedere di tutto. In piazza ti esponi al giudizio. Bisogna farle nei grandi ristoranti o alberghi, bisogna mettere i buttafuori. Come si chiama il patto fra il PD e quei traditori dei 5 Stelle? Il “patto di Posillipo”, no? Hanno deciso il sindaco di Napoli in un lounge bar, con un cocktail in mano, guardando la città da lontano. Così erano al riparo dalle sue contraddizioni.
Ma poi, siamo seri, ma davvero si chiede alle persone che ne pensano? Le persone devono stare zitte e applaudire. Poi al momento giusto votare. E poi dimenticare cosa hanno votato. Maresca ha chiesto a qualche cittadino napoletano se era normale che mentre era ancora magistrato già faceva incontri elettorali? Ha chiesto cosa ne pensavano del fatto che, mentre si presenta come l’anticamorra, se ne va con i partiti che hanno avuto nella storia di questa città i maggiori rapporti con la camorra?
No, per sua stessa ammissione, lo ha chiesto agli imprenditori. Agli stessi a cui si rivolge il PD. Gli stessi che poi gli pagano le campagne elettorali. Gli stessi che poi trarranno benefici dal loro governo… Noi a chi lo chiediamo? Ai disoccupati? Ai poveri? Ai giovani, che magari fra qualche anno sono pure emigrati? Ma non scherzate, ci dicono…

Allora, cosa gli rispondiamo noi a questi signori?

Che hanno ragione. Che non sappiamo fare politica.
Che Michele, che va a lavorare come OSS rischiando di prendersi il covid per 700 euro al mese, e poi dopo si sbatte a raccogliere le firme per tenere aperta una biblioteca in periferia, non sa fare politica.
Che Rossella, che da piccola commerciante paga le tasse fino all’ultimo e assume i lavoratori in regola, e se non li può assumere lavora il doppio, ma viene lo stesso a distribuire i pacchi alimentari, non sa fare politica.
Che le compagne e i compagni di Marano, che sul loro territorio contro tutto e tutti hanno vinto la battaglia per mantenere l’acqua pubblica, non sanno fare politica.
Che Kadir, che studia e fa lavori precari e passa ogni suo momento fra Piazza Garibaldi o a uno sportello sociale dentro l’OPG non sa fare politica, perché i migranti non votano…
Allora vedete che siamo pazzi. Perché vogliamo fare politica, ma non sappiamo fare politica. O forse no?
Forse non sappiamo fare la LORO politica. Forse è per questo che la LORO politica non interessa a nessuno, e si tiene su solo grazie ai soldi, al ricatto della fame. Alla promessa del posto di lavoro.
Prima era la scarpa di Achille Lauro, poi sono stati i carrozzoni delle partecipate di Bassolino, oggi sono i soldi del Recovery. Tutti ricatti.
È possibile far saltare questo ricatto? Sì. Certo. Assolutamente. Non diciamo: “forse”. Non diciamo “chissà”.
Potere al Popolo nasce su questa idea semplice, che è quella di tutti quelli che hanno lottato prima di noi. Non è un’idea, è una sicurezza. Il ricatto si può far saltare. Noi siamo quelli che fanno saltare i ricatti. Lo abbiamo dimostrato a Napoli Sotterranea. Lo abbiamo dimostrato fuori ai cancelli della Whirlpool. Lo ha dimostrato il nostro portavoce Giuliano Granato sul suo posto di lavoro. Lo dimostrano i migranti, gli autisti dei trasporti, i disoccupati organizzati, i movimenti studenteschi che sono qui.
Stasera allora discutiamo di questo. Di come far saltare i ricatti che pesano sulla nostra città, di come liberare la sua energia. Perché di energia ce n’è tanta. Spesso la rivolgiamo contro di noi. La depressione, lo sapete, non è mancanza di energia. È energia che non trova un canale, e ristagna, e consuma, ed erode. Oppure la rivolgiamo contro i nostri simili, la sfoghiamo contro chi abbiamo a portata di mano. Dobbiamo aprire la strada all’energia, darle delle tappe, costruire a poco a poco.
Lo facciamo insieme. La differenza del nostro metodo è già sostanza. Perché come tutti i movimenti popolari, come il movimento NO TAV che proprio oggi è ancora una volta in piazza, non abbiamo paura a discutere, ad avere punti di vista diversi. Siete mai stati alle loro assemblee? Oggi violiamo, non violiamo? Non importa: quello che poi si decide lo si fa insieme. È quello che era più contrario si mette davanti a tutti, perché questo è senso della collettività e non individualismo.

È più rischioso, perché non c’è uno solo che comanda

È più lento, perché si ascolta tutti.
È più faticoso, perché le parole impegnano.
Ma questo è essere comunità. Questa è democrazia nel suo senso vero. La democrazia è potere del popolo, che non è solo votare, ma partecipare continuamente, fare controllo popolare.
E vengo a chiudere. Far saltare insieme i ricatti, ok. Ma non farlo astrattamente, farlo con proposte concrete. Mettendosi al servizio delle tante lotte che già ci sono. Ascoltandole. E cercando di portarle dentro il Palazzo. Perché una cosa deve essere chiara: noi dentro quei palazzi vogliamo irrompere. Il controllo popolare lo vogliamo portare dentro. Ci devono dare gli atti, ci devono rispondere alle interrogazioni. Basta chiedere a qualcuno che ci rappresenti! Devono sentire il nostro fiato sul collo!
Oggi quindi non discuteremo solo di come andremo alle elezioni. È una scelta importante, ma è tattica. Noi oggi discuteremo delle nostre proposte, di come faremo una campagna elettorale pazzesca. Quella per cui, quando ci guarderanno, ci diranno: siete pazzi. E poi: vogliamo venire con voi”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*