Vergani, RES: “Come si fa a decidere se chi si candida non ha nemmeno un programma?”

napoli

Mentre la questione “elezioni” entra nella fase calda legate alle liste dei candidati, il paese giornalmente è scosso da questioni tragiche, da barzellette comiche, dal caso del pentito Brusca e dalla nuova fase vaccinale che si presenta ancora tutta in salita. Tante situazioni che il comico Maurizio Crozza ben evidenzia nella sua trasmissione con l’addebitare alla sgangherata politica italiana la triste e costante decadenza di capacità e di costumi.

Non potevamo chiedere a Stefano Vergani, presidente di RES una propria opinione in merito.

Presidente Vergani il comico Crozza ha pestato duro nell’ultima puntata del suo programma

“Crozza è un cronista della realtà dei fatti. Varie testate hanno riportato frasi ufficiali e non da Bruxelles, sul fatto che i fondi del Recovery Fund verranno erogati sulla base della capaciti italiana di fare le riforme della giustizia, della burocrazia, della transizione ecologica e della digitalizzazione. E’ come se avessero annunciato <Italiani, dimostrate che quello che serve viene fatto e noi i soldi ve li daremo. Se, però, non sarete in grado di utilizzarli bene non vi daremo un euro>”.

L’Europa non si fida dell’Italia nonostante Draghi?

“Ma è giusto! Da decenni in Europa sanno che in Italia sussiste una spartizione tra la politica deviata e le imprese colluse. Esempio è il caso MOSE a Venezia. E’ più che comprensibile che ci trattino in questo modo perché l’esperienza degli ultimi 40-50 anni ha insegnato all’Europa che siamo una nazione che brucia risorse per le tasche dei soliti noti. Draghi? Vi assicuro che Draghi non è così ben visto in Europa come cercano spesso di farci credere. Soprattutto i tedeschi ed i paesi loro amici hanno una opinione di lui non esaltante. Gli italiani, poi, sono disamorati della politica perché regolarmente vedono che le sorti del paese sono in mano al malaffare”.


 

Lei di recente è stato intervistato insieme a Marco Rizzo,  segretario del Partito Comunista Italiano

“Marco Rizzo è una persona seria e capace. Penso che con uno come lui al governo, l’Italia avrebbe uno statista molto al di sopra della media nazionale attuale. Se il partito comunista cambiasse il suo nome e si riposizionasse strategicamente come i tempi chiedono, sarebbe una forza decisamente diversa e molto più forte di quanto non lo sia oggi. Abbiamo condiviso il fatto che lo Stato non è in grado di fare controlli sulla sicurezza. Ci sono imprese serie e ci sono imprese poco serie. Le leggi ci sono ma non sono fatte rispettare; lo Stato non fa rispettare le leggi! Il paese non potrà mai invertire la rotta fino a quando non verranno fatte rispettare le leggi”.

 

Cosa pensa del caso Formigoni?

 

“E’ immorale che la gente si arrabbi ma, poi, quando va a votare continua a credere alle pagliacciate dei politicanti da strapazzo di questa politica. Gli italiani hanno perso il senso civico e il senso della politica costruttiva. Gli italiani dimenticano troppo facilmente gli enormi errori e frodi che sono stati commessi in precedenza”.

 

Cosa pensa dello scenario politico napoletano?

 

“Su Napoli assistiamo ad un fenomeno d’inerzia e di indecisione. Ci sono diverse candidature e tutte complicate. Chi si candida capisce che Napoli sarà un set cinematografico critico e tutti i candidati tremano di fronte ai possibili esiti. RES non ha un proprio candidato. Non siamo riusciti ad individuare un candidato con le caratteristiche giuste per partecipare alle elezioni. Siamo dell’idea, quindi, di sostenere una lista civica della quale fare parte con un progetto di vicinanza. Ad oggi, però, nessuna lista con la quale abbiamo parlato ha un programma… Ci chiedono qual è il nostro ma nessuna ha un suo programma. Pazzesco! All’inizio tutti ci snobbavano mentre oggi in molti ci vengono a chiedere aiuto. Come si fa a decidere se chi si candida dimostra di non avere nemmeno un programma?”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*