Clemente: “Non dimentichiamo come città il sacrificio di Petru”

petru

C’è una fisarmonica oggi a Montesanto, ma è muta. Nessuno la suona. Le dita che veloci cercavano il suono dentro di lei o nel petto dell’uomo che la reggeva sono ferme da quella maledetta sera del 2009, quando la camorra coprì quel suono con la sua musica, quando i suoi strumenti di morte zittirono quello strumento di gioia.

Uomo gentile, figlio di Napoli giunto da lontano

Petru Birlandeanu morì così, ammazzato dalle pallottole che fischiarono un motivetto stonato e gli portarono via la vita.
Adesso la fisarmonica è muta, per questo abbiamo il dovere di non esserlo noi e non lo saremo mai.
Lo dobbiamo a Petru, uomo gentile, un figlio di Napoli giunto da lontano.
Non dimentichiamo come città il suo sacrificio e la nostra lotta con gli strumenti della giustizia, della cultura e dei diritti alla criminalità organizzata.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*