Carotenuto: “Continuare ad osannare una tecnologia pesante ed invasiva significa non rispettare la comunità”

napoli est

Sembra davvero strano che “Il Mattino” in questo solo mese di maggio dedichi ben 2 lunghi articoli alla Q8 della zona orientale della città. Stesso taglio, stesse informazioni, stesso indirizzo, stessa penna. Mai una contraddizione, mai una voce “altra”, mai un confronto tra parti diverse.
“Il Mattino” sembra dimenticare il disastro ambientale del 21 dicembre 1985, che provocò 5 morti e miliardi di lire di danni al circondario di Ponticelli.
Lo stesso quotidiano non “riesce” a dare la notizia che la Q8 non ha fatto un solo metro quadrato di bonifica in questi decenni.

13 ex raffinerie

L’ex primo quotidiano cittadino ignora che sull’ambito 13 (ex raffinerie) è previsto il superamento dell’attuale insediamento petrolifero.
Il giornale in questione non ha mai dato voce alla politica, ancor più ai movimenti e comitati civici della zona orientale, ovvero quei soggetti che si battono per una migliore qualità della vita e denunciano quotidianamente tutti i fattori inquinanti dei quartieri ad est di Napoli (leggi insediamento impianto GNL nel Porto di Napoli).
Bene, io penso che queste siano “distrazioni pericolose”, diversivi per non far emergere contraddizioni politiche ed imprenditoriali. Un organo di informazione non può rappresentare a “senso unico” una vicenda che ha tormentato un territorio squarciato da un inquinamento che ha confinato questi quartieri tra quelli con i più alti tassi di tossicità dell’area dell’intera città di Napoli.

Tecnologia invasiva

Continuare ad osannare una tecnologia pesante ed invasiva, come qualcosa di avveniristico, facendo finta che non esistono regole urbanistiche, soggetti territoriali che vogliono vivere in modo sano e pulito, un territorio da “restituire” alla collettività, un recupero degli standard di vivibilità ed una sicurezza personale, significa non solo non dare rispetto alle verità di vita di chi abita queste terre, ma innanzitutto non fare il bene di quelle comunità di donne e uomini, di un presente che deve sapersi liberare di quel cattivo passato, per costruire un futuro di riqualificazione e rinascita.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*