Clemente: “Noemi è diventata un simbolo di una Napoli che non si arrende, che cresce e sorride nonostante tutto”

noemi

Il 3 maggio 2019 è una data che pochi napoletani dimenticheranno: il giorno del ferimento della piccola Noemi a Piazza Nazionale. Non dimenticherò mai quella scena, un camorrista che scavalca il corpo di una bambina che ha appena ferito.
Napoli si unì come sa fare nelle occasioni importanti, mentre i medici, i veri eroi di questa storia, si facevano in quattro per salvare la vita di Noemi.
Quel giorno in tanti scoprirono il vero volto della Camorra. Noemi è viva ed è diventata un simbolo: il simbolo di una Napoli che non si arrende, che cresce e sorride nonostante tutto.

Un simbolo da mostrare con vanto

Per questo motivo oggi mi sono recata con il collega Luigi Felaco in piazza nazionale dove sono in corso i lavori promossi dalla Famiglia, mamma Tania e papà Fabio, dalla Fondazione Polis e dal Comune di Napoli per realizzare un murale che rappresenta come Noemi ha immaginato quella piazza.
Presto i suoi splendidi occhi diventeranno 4, due tra le guance e la sua fronte e due su un muro a Piazza Nazionale, con la sensibilità artistica di Vittorio Valiante. A ricordarci ogni giorno che lei ha vinto e la camorra ha perso; a ricordarci che i camorristi camminano sui corpi dei nostri bambini pur di salire un piolo di quella scala da cui presto o tardi precipiteranno.
Noi saremo sempre dalla parte di Noemi e dei suoi splendidi genitori e li aiuteremo a realizzare il loro sogno: trasformare Piazza Nazionale da luogo di sangue a luogo di gioco.
I lavori termineranno lunedì 15.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*