PaP, Napoli Sotterranea libera dal lavoro nero

napoli

Per il primo maggio a Napoli gli attivisti dell’Ex opg Je So Pazzo e di Potere al popolo, insieme agli ex lavoratori e alle ex lavoratrici di Napoli sotterranea, hanno organizzato alle ore 13:30 un presidio di protesta davanti al sito.

“Vincenzo Albertini, patron dell’Associazione Napoli sotterranea, è stato condannato per sfruttamento del lavoro nero e per violenza sessuale, eppure continua a gestire il sito, avendo peraltro una concessione scaduta. Abbiamo lanciato una petizione per cacciare Vincenzo Albertini da Napoli sotterranea che ha già raccolto quasi 20mila firme. Ora vogliamo un incontro con Franceschini!” spiega l’Avv. Marzia Pirone dell’Ex Opg Je So Pazzo.

Vertenze

“Grazie al coraggio delle tante guide che hanno denunciato e portato avanti le vertenze, Napoli sotterranea è diventata simbolo di riscatto per questa città martoriata dal lavoro nero e dallo sfruttamento del lavoro soprattutto di tanti giovani costretti ad emigrare. Questo sito non può restare nelle mani di un privato cittadino, ma deve essere restituito alla collettività. Il Ministero dei beni culturali e il demanio devono intervenire al più presto revocando la concessione e aprendo una nuova fase di gestione pubblica del sito”, ha aggiunto Giuliano Granato di Potere al Popolo!


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*