Granato, PaP: “Funziona così”

pap

“Per ogni intervento di riparazione su un ascensore puoi impiegare al massimo X minuti”.
“Ma non ce la si fa. Devo indossare le scarpe antinfortunistica, gli occhiali e i guanti di protezione, le imbracature, il caschetto, gli auricolari; devo disattivare e mettere in sicurezza l’impianto, sistemare le imbracature, assicurarmi che i ponteggi così come i punti a rischio schiacciamento siano in sicurezza. È impossibile rispettare questi ritmi!”
“Industriati, non perdere tempo e troverai il modo. È così che funziona”.

Sono frasi di un colloquio avuto qualche tempo fa con un tecnico ascensorista

Mi spiegava che le pressioni cui sono sottoposti rendono impossibile rispettare per davvero le norme sulla sicurezza.
Se devi effettuare un lavoro in tempi rapidi e le misure sulla sicurezza rendono impossibile rispettare la tabella di marcia, non è difficile immaginare che saranno rispettate solo in parte o per niente.
Ogni lavoratore e ogni lavoratrice procede a una rapida valutazione dei rischi: un infortunio o, peggio, la morte, sembrano spesso lontani, destino di altri ma mai per sé; problemi sul lavoro, il mancato rinnovo di un contratto precario, magari un licenziamento, sembrano invece dietro l’angolo e vanno scongiurati.
È la trappola cui sono sottoposti milioni di uomini e donne. Un ricatto, non una libera scelta.

Il lavoro contro la salute

E non è questione di “ignoranza” dei lavoratori, qualcosa che si possa superare con mere campagne informative; va cambiata la logica di fondo del sistema.
Fin quando bisognerà correre per accumulare profitti, gli infortuni e le morti saranno pane quotidiano, “esternalità” previste e prevedibili.
Per questo i fiumi di parole versati ogni 28 aprile, Giornata Mondiale per la Salute e Sicurezza sui posti di lavoro, sono ipocrisia. Lacrime di coccodrillo. Servono solo a lavarsi la coscienza, mentre il mondo prosegue uguale a sé stesso.
Avremo nuovi infortuni (500.000 all’anno in Italia) e nuove morti (206 dall’inizio del 2021, senza contare quelle in itinere e quelle per Covid).
È una strage di sistema.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*