Granato, PaP: “Acqua come bene pubblico”

Siamo quasi a 10 anni precisi dal referendum del giugno 2011 in cui 27 milioni di italiane e italiani dissero con una X che il privato mai avrebbe dovuto gestire il bene più prezioso che c’è, l’acqua.
Siamo a 2 giorni da un nuovo consiglio comunale in cui il sindaco di Marano proverà a fare passare la cessione della gestione dell’acqua alla Acquedotti Spca.
In questi mesi un’ampia mobilitazione popolare ha reso chiaro cosa c’è in gioco: l’acqua come bene pubblico, per soddisfare i bisogni primari del nostro popolo, o, per contro, l’acqua come merce, su cui poter lucrare.

Io so da che parte stare

E sapete qual è la cosa bella? Che siamo la maggioranza! Se sindaci come quello di Marano possono permettersi di fare quel che vogliono è solo perché rimaniamo silenti e separati, perché ci ripetiamo che nulla cambia.
La storia non è mai cambiata quando il popolo è rimasto fermo, ma quando è sceso in strada e la sua parola si è fatta azione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*