Granato (PaP!) e Gianni Simioli a La Radiazza su Radio Marte denunciano: “Lavoro nero? Il lavoro grigio is the new black!”

radiazza

La crisi da pandemia si è già riversata sui lavoratori e sulle lavoratrici del Paese. I dati sui posti di lavoro già persi, malgrado il blocco dei licenziamenti sia fortunatamente ancora in vigore, sono inclementi: 450.000 posti in meno in 12 mesi. E all’aumento della disoccupazione e dell’inoccupazione si associa, secondo l’ultimo rapporto della CGIA di Mestre, un prossimo nuovo boom del lavoro nero.

 

In Campania la situazione è già oggi esplosiva

Più di 360mila lavoratori a nero – con un’incidenza del 19,4% sul complesso della forza lavoro – che ogni anno contribuiscono a produrre 8 miliardi di PIL. Le difficoltà delle 31.000 attività della ristorazione presenti in Regione ha da tempo causato la messa alla porta dei dipendenti a tempo determinato o la mancata ri-assunzione dei lavoratori stagionali.

Il coordinatore nazionale di Potere al Popolo!, Giuliano Granato, e il conduttore radiofonico Gianni Simioli dai microfoni de La Radiazza, raccogliendo anche le telefonate di due lavoratori del settore Ho.Re.Ca con esperienze di lavoro nero e “grigio”, denunciano: “Il lavoro “grigio” – quello cioè in cui un contratto c’è, ma prevede magari 4 ore al giorno mentre sei costretto a lavorarne 8 o anche 10 – è la nuova frontiera dello sfruttamento dei lavoratori della ristorazione, che sono in maggioranza donne e che conta molti giovani”. E aggiungono: “In tempi di pandemia significa che un lavoratore si ritrova con 200€ di cassa integrazione, dal momento che l’INPS calcola la cifra sullo stipendio da contratto e non sul fuori busta. Stanno venendo al pettine i nodi di un mondo del lavoro in cui troppo spesso ci si basa sul basso costo dei dipendenti e in cui diritti e tutele non trovano posto. E in cui i lavoratori sono sottoposti al ricatto di quasi assenza di alternative reali.”


Granato (PaP!) precisa

“Sarà anche vero che esistono imprenditori in regola e rispettosi delle leggi, ma ciò che emerge dall’inchiesta di RestWorld mostra che il problema dell’irregolarità e del lavoro nero è dilagante: se addirittura il 68% degli stessi imprenditori ammette di averne fatto uso, vuol dire che parliamo di un fenomeno di massa e assolutamente maggioritario. Per sconfiggere il lavoro grigio e quello nero servono più controlli, rafforzare l’Ispettorato del Lavoro e organizzarsi per denunciare le pessime condizioni cui sono costretti troppi lavoratori.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*