Clemente: “I parchi sono luoghi della convivenza, della socialità”

parchi

I lavori iniziati oggi di manutenzione straordinaria del Parco Agricolo Salvatore Buglione all’Arenella, non sono solo un altro cantiere che si aggiunge alla lista di cose che stiamo facendo.
I parchi rappresentano un luogo cardine nella città che vogliamo costruire, per molte ragioni. La prima è l’evidente questione ambientale. Tutte le grandi città hanno perso nel corso dell’ultimo secolo la gran parte degli spazi verdi e delle aree naturali a favore di un edificato sempre più intenso.
La diffusione della cultura ecologica affermatasi a partire dalla metà degli anni ’60 ha evidenziato che questa deriva ha un impatto non solo a livello macro sull’ambiente ma porta con sé conseguenze devastanti anche a livello territoriale, in particolare sulla conservazione e la riproduzione della flora e della fauna locale.

Per questo quando lavoriamo in un parco lavoriamo soprattutto sulla conservazione della vita

C’è però un altro motivo perché i parchi sono al centro della nostra idea di città: viviamo in una società che tende a serrare i tempi delle nostre vite capitalizzando il tempo a nostra disposizione (formazione, produzione, tempo libero) orientandolo al consumo. I parchi sono quei luoghi in cui il consumo perde la sua centralità.
Al parco si va per passeggiare, si va con i bambini o si va con il cane, ci si può portare un libro, si può meditare, pensare, chiacchierare, cantare. Ci si può andare in compagnia o da soli, tanto si sa che lì si incontra qualcuno. Qualche volta al parco ci si può anche prendere un caffè ma non ci si va mai per quello.

I parchi sono luoghi della convivenza, della socialità

Questo apre la strada al terzo motivo per cui i parchi devono essere al centro della futura idea di città di una candidata Sindaco.
I parchi sono spazi pubblici, luoghi di incontro e di confronto con le diversità. I parchi sono luoghi in cui si esercitano e si allargano i diritti di cittadinanza. I parchi sono luoghi delle comunità. Per queste tre ragioni riqualificare un parco è qualcosa di più di iniziare dei lavori pubblici è piuttosto un cantiere del futuro.
Il Comune di Napoli realizzerà nei prossimi 3 anni 19 interventi di riqualificazione in altrettanti parchi cittadini grazie al finanziamento del Piano Strategico della Città Metropolitana #ImmagiNA di circa 14 Milioni di Euro. Da qui parte la mia idea di città. Da qui devono iniziare i prossimi anni verso la Napoli 2030.
Con Luigi de Magistris, Luigi Felaco , Marco Gaudini.

Foto Emilio Porcaro


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*