Presentata interrogazione parlamentare sul traffico di rifiuti illegali in Tunisia

tunisia

L’Italia non può trasformare il bacino del Mediterraneo in una enorme Terra dei Fuochi.
È questo il senso dell’interrogazione parlamentare presentata oggi dalla Senatrice Paola Nugnes (SI) sul traffico internazionale di rifiuti dalla Campania alla Tunisia e rivolta al Ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Per tutto l’arco del 2020 centinaia di container pieni di rifiuti sono partiti dal porto di Salerno alla volta della Tunisia. Esportazioni in violazione delle normative vigenti, stando alla magistratura tunisina che, infatti, ha posto sotto sequestro i 212 container presenti nel porto di Sousse e ha proceduto ad arrestare 12 funzionari pubblici, nonché il Ministro dell’Ambiente Mustapha Aroui.

Finalmente

“Finalmente questo traffico internazionale di rifiuti arriva alle orecchie del Parlamento italiano, grazie all’attenzione della senatrice Nugnes. Per mesi abbiamo vissuto una sorta di consegna del silenzio” – dichiara Giuliano Granato di Potere al Popolo, che prosegue: “Mi domando: cosa sarebbe successo se a essere arrestato per via di rifiuti italiani fosse stato il Ministro dell’Ambiente della Francia o della Germania? Un pandemonio. Se fino a oggi tutto è stato taciuto è perché il colonialismo non è un frutto del passato, ma del presente. Sarei peraltro curioso di sapere se il Ministro Di Maio nel suo incontro del 25 marzo con l’omologo tunisino abbia avuto occasione di parlare del rimpatrio di queste tonnellate di rifiuti, cui l’Italia è obbligata da norme internazionali, o se, invece, abbia preferito parlare esclusivamente del rimpatrio degli esseri umani. Perché pare che gli esseri umani debbano essere bloccati, mentre i rifiuti – anche quelli pericolosi – debbano essere liberi di viaggiare e di devastare altre terre e altri popoli”.

Altri passi

La notizia della imminente interrogazione parlamentare della senatrice Nugnes era stata anticipata nel corso di un incontro internazionale organizzato da Potere al Popolo! e dal Partito dei Lavoratori (Tunisia) tenutasi sabato 4 aprile.
In quella stessa occasione erano stati annunciati anche altri passi: la richiesta di un incontro col Presidente dell’Autorità Portuale di Napoli per verificare quali misure si stiano mettendo in campo per contrastare il fenomeno delle discariche a cielo aperto e delle esportazioni illecite di rifiuti che, purtroppo, pare si stia facendo sempre più preoccupante; ma anche un’altra interrogazione parlamentare, stavolta nel ramo della Camera dei Deputati e che sarà preparata dalla deputata Doriana Sarli, ex M5S oggi nel gruppo Misto.
Già presentate, invece, due interrogazioni della consigliera regionale campana Maria Muscarà, ancora in attesa di risposta della Regione ad alcuni quesiti decisivi.


Infine, Potere al Popolo! anticipa l’organizzazione di momenti di mobilitazione pubblica, coordinati con gli attivisti tunisini che in queste settimane hanno più volte protestato al porto di Sousse e dinanzi all’ambasciata italiana a Tunisi, chiedendo al Governo Draghi di riprendersi i propri rifiuti e di smetterla di trattare la Tunisia come un’immensa pattumiera.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*