Granato, PaP: “Grazie al Rdc c’è chi può rifiutare salari da fame”

popolo

“Da quando c’è il reddito di cittadinanza non troviamo più personale italiano per le nostre vigne, così abbiamo fatto un accordo con la Caritas di Foligno e ora abbiamo molti immigrati regolari nella nostra azienda”.

Così Marco Caprai, imprenditore a capo del distretto del Sagrantino di Montefalco

Se i 500€ del reddito di cittadinanza sono “concorrenziali” con lo stipendio pagato, allora è siamo davanti a uno stipendio da fame.
E se c’è chi, grazie al reddito di cittadinanza, può rifiutarsi di accettare un salario da fame, è solo bene.
Per tutti tranne per quei pochi che sui salari da fame accumulano profitti su profitti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*