Granato, PaP: “Il Porto di Napoli è una piccola Terra dei Fuochi, eppure nessuno parla né agisce”

napoli

In occasione della giornata di mobilitazione internazionale del movimento ambientalista Fridays For Future, nel capoluogo campano giovani e giovanissimi si sono riuniti in presidio dinanzi all’Autorità Portuale del Porto di Napoli.

Nelle ultime settimane, infatti, la Guardia di Finanza ha rinvenuto cinquecento tonnellate di rifiuti speciali all’interno del Terminal della SoTeCo, società appartenente al Gruppo MSC, seconda compagnia di gestione linee cargo a livello mondiale, che nel 2016 ha acquisito la maggioranza delle quote Soteco e CoNaTeCo dalla cinese COSCO.
Altre cento tonnellate di rifiuti stoccati senza alcun rispetto delle normative vigenti sono state ritrovate dieci giorni fa, sempre all’interno del perimetro del terminal Soteco: pneumatici, mezzi pesanti, motori e batterie, materiali ferrosi, olii.

Per di più, alcuni liquami pericolosi finivano nel fiume Pollena e di lì andavano a inquinare le acque del mare

 

“È incredibile che malgrado il pericolo di una potenziale bomba ecologica al porto di Napoli la notizia non sia entrata nel dibattito politico. Se ampie aree del porto vengono trasformate in discariche a cielo aperto, se c’è addirittura l’inquinamento delle acque, dove sono state finora quelle istituzioni deputate a vigilare e controllare?”– questa è la domanda che il coordinatore di Potere al Popolo! Giuliano Granato e il conduttore radiofonico Gianni Simioli all’interno de La Radiazza di Radio Marte, dai cui microfoni hanno denunciato la situazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*