Paolo Malato (RES) e il profilo ideale del prossimo Sindaco di Napoli

napoli

Seppur rinviate a dopo l’estate, le forze politiche sono impegnate in vista del rinnovo del consiglio comunale della città.

Elezioni che, mai come questa volta, avranno un impatto fondamentale sulle vite dei napoletani.

L’ingegnere Paolo Malato, coordinatore regionale di RES (Rinascita e Sviluppo) ha tracciato quello che dovrebbe il profilo ideale del prossimo primo cittadino.

Quali caratteristiche?

“Credo che in questa momento, piuttosto che parlare di nomi o di improbabili programmi, sia opportuno individuare un profilo che dovrà caratterizzare il futuro candidato e che dovrà essere una donna o un uomo libero e di buoni costumi”.


Cosa intende per libero e di buoni costumi?

“Per persona libera intendo colei o colui che possa portare avanti un proprio progetto scevro da qualsiasi condizionamento partitico o da poteri condizionanti e che ponga l’etica e l’onestà a sostegno della propria azione, in difesa dal malcostume e dalla corruzione”.

Come pensa si possa accrescere lo sviluppo della città e quali altre caratteristiche dovrebbe avere il Sindaco?

“Quella del Sindaco è fondamentalmente una figura che deve essere in grado di indirizzare e gestire la macchina amministrativa focalizzandola all’esecuzione del proprio programma. Il Sindaco, quindi, dovrà essere dotato di un efficiente pragmatismo e di una capacità di amministrazione che non significano avere specifiche competenze bensì capacità di individuare le donne e gli uomini migliori, assegnare loro gli obiettivi di governo e cadenzare i ritmi per verificarne gli avanzamenti nell’applicazione. In sintesi, meno parole e più fatti, meno pinocchi politicanti o improvvisati aizza popolo che si nascondono dietro slogan inconsistenti”.

Non le sembra che il pragmatismo che lei cita possa cozzare contro la proverbiale “fantasia napoletana” che mal si presta ad essere incasellata in schemi?

“Potrebbe essere un rischio ma è superabile se la donna o l’uomo che guiderà la città di Napoli dimostrerà di aver anche doti di mediazione e non sia un Sindaco di censo ma sia un dirigente di grande inclusione…”.

Cosa intende per inclusione?

“Napoli è una città complessa e dalle numerose componenti sociali. Il Sindaco dovrà essere in grado, con il suo progetto per una Città nuova, di coinvolgerne quante più persone possibili per avere una visone progettuale focalizzata sulla rinascita. Operazione complessa ma non impossibile.  Il primo passo è quello di convincere la cittadinanza che dopo l’emergenza sanitaria Napoli ha i numeri possibili per diventare una capitale protesa verso il Mediterraneo. In un progetto di rinascita, fondamentale sarà mettere in campo tutte le forze sane coinvolgendo, ad esempio, i lavoratori, i sindacati, le Università,  il mondo imprenditoriale e gli studenti che rappresentano il futuro. Cito un pensiero di Don Sturzo che trovo molto attuale: la base del fatto sociale è da ricercarsi nell’individuo. La società deve, pertanto, saper riconoscere le aspirazioni di ogni singolo individuo.  Tutti i napoletani devono essere consapevoli che hanno una possibilità di riscatto. Napoli non si salverà a pezzi o per classi sociali; Napoli deve rinascere nella propria integrità. Ecco perché il recupero delle periferia degradate è un impegno importante ed anche occasione per il rilancio dell’edilizia falcidiata gli dagli effetti pandemici”.

Per concludere: RES ha un proprio candidato?

“Ho iniziato questa intervista affermando che questo non è il momento di fare nomi ma di riflettere su di un probabile profilo. Verrà poi il tempo per individuare un programma ben preciso. I nomi verranno dopo anche per non alimentare la riffa che già si è scatenata in città con ampio anticipo sui tempi della competizione elettorale. Non è assolutamente fondamentale che sia una espressione delle forze di RES. Andrebbe bene anche un candidato di una lista civica da appoggiare, purché sia della stessa lunghezza d’onda”.

Qualche partito vi ha accusato di non avere un posizionamento preciso, né a destra, né a sinistra. Cosa c’è di vero in questo?

“Diversi emissari di partiti noti ci hanno contattato per chiedere un appoggio incondizionato e di fronte alle nostre titubanze hanno mal digerito che una forza nuova e non contaminata abbia avuto l’ardire di non piegarsi alle loro logiche. Ci hanno attaccato per questa nostra posizione. RES non vuole entrare in un ginepraio di correnti che si uniscono solo per avere più voti”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*