Nutarelle a llengua nosta

Con quest’articoletto si forniscono due notiziole pronte all’uso per chi voglia cimentarsi con rispetto nella scrittura In Napoletano, perdurando l’assenza di un piano formativo scolastico almeno nella città di Napoli avente riguardo il Napoletano,oramai alla mercé di degradazioni e mistificazioni.

Qui parliamo della cosiddetta “A” segnaletica.

Due lingue, una propria cosmogonía

Premesso che il Napoletano è idioma autonomo, non debitore dell’Italiano né derivante da quest’ultimo, per cui ogni “italianizzazione” ne comporta perdita di senso quanto a concetti, essenza culturale e filosofia di vita espressi, un universo ed una cosmogonia acquisita e sviluppata da tre millenni , diremo quanto segue.

Una A per distinguersi

In Napoletano il complemento oggetto allorché sia persona o soggetto animato va introdotto da una A :


ad es.:
Ho visto tuo padre: Aggiu visto a ppateto/e; Incontrai Carmela: Ncuntraje a Ccarmela; Salutami tua sorella: Salutame a ssoreta, ecc.

Come noterete questa A comporta il raddoppiamento della consonante iniziale della successiva parola.

Tale a seguita dagli articoli :

‘o (il/lo);
‘a (la);
‘e (i-gli-le);

in Napoletano va resa con:

â (= a+ ‘a);
ô (a+ ‘o);
ê (= a+ ‘e)

Ess. Salutaje â (= a + ‘a) sora ‘e Marìa = Salutai la sorella di Maria
Cunuscettero ô (= a + ‘o) zio ’e Ggiuvanne = Conobbero lo zio di Giovanni, Priàmmo tutt’ ê (= a + ’e) sante d’ ’o Paraviso= Preghiamo tutti i santi del Paradiso

Quando invece ci riferiamo a cose inanimate tale “a segnaletica” non è impiegata:

Jamm’a vvedé ‘a partita = Andiamo a vedere la partita;
M’aggiu magnato ‘a cresommola= Ho mangiato l’albicocca; Aggiu pigliato ‘o bicchiere = Ho preso il bicchiere; Avìmmo perzo ‘o trèno = Abbiam perso il treno

Acala ‘e maccarune ca è ‘o mumento! = Cala i maccheroni, è il momento!

Facìmmoce caso:quante volte un napoletano dovendosi esprimere in italiano per dire: “ho visto tuo padre, ho sentito il professore” ci piazza una bella “a” in mezzo? (Ho visto a tuo padre, ho sentito al professore)?….

Chest’è…Napoletano ed Italiano ddoje lengue diverze!!

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*