Persecuzioni online e non solo. Risponde la penalista esperta, Avvocato Avolio Anna

Stalking, è un termine di origine inglese utilizzato per definire quelle persone che hanno degli atteggiamenti che affliggono un’altra persona, perseguitandola, generando in essa stati di paura e ansia, arrivando persino a compromettere lo svolgimento della normale vita quotidiana. Un​ problema sociale diffuso, un’ evoluzione che accompagna, in diversi casi, le relazioni amorose finite male. La sensazione è in effetti che questo genere di reati sia in aumento, almeno dando uno sguardo ai giornali. Oggi abbiamo parlato con l’Avvocato Penalista Anna Avolio di Napoli:  Avvocato Avolio perchè si diventa STALKER? Si diventa stalker quando la maggior parte dei pensieri possono diventare ossessione prevalentemente per un’altra persona, e possono portare il soggetto ad attuare una serie di comportamenti ripetuti nel tempo nei confronti di quella persona che ne diviene una vera e propria vittima perseguitata. Gli studi evidenziano il fatto che lo stalker è una persona che presenta problemi a tre livelli: affettivo, emotivo, relazionale e comunicativo . Le motivazioni sono essenzialmente cinque. Il risentimento , dopo la fine di un rapporto. La ricerca e il bisogno di affetto , il fatto di sentirsi respinto, l’impulso di preda, mosso dall’intenzione di avere un contatto sessuale con la vittima. Infine l’incapacità di corteggiare. E’ un insieme di comportamenti persecutori, ripetuti e intrusivi che porta a minacce, pedinamenti, telefonate o attenzioni indesiderate, tenuti da una persona nei confronti della propria vittima. Che consigli dare a chi si sente di essere vittima di uno Stalker?​ Un passo che andrebbe compiuto già dopo i primi episodi di minaccia o molestia, ma che spesso non si compie per timore di non essere ascoltati o per paura che ciò produca un effetto di maggior accanimento da parte del persecutore è sicuramente denunciare lo stalker. Un altro fondamentale consiglio è rivolgersi ai centri antiviolenza, che garantiscono un’ottima copertura sul territorio e che sostengono le donne e le accompagnano nel loro non semplice percorso di denuncia del molestatore. E’ stato, altresì, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di un numero verde nazionale in favore delle vittime degli atti persecutori, con la finalità di fornire un servizio continuativo di prima assistenza pscicologica e giuridica da parte di personale competente, nonché di comunicare prontamente, nei casi di urgenza e su richiesta della persona offesa, alle forze dell’ordine competenti gli atti persecutori segnalati. Una volta che la vittima ha segnalatoo questi insistenti e non graditi comportamenti all’Autorità Giudiziaria cosa succede? Un volta denunciato il fatto alle autorità queste ultime informano immediatamente il Pubblico Ministero della denuncia ricevuta . Ed infatti le modifiche apportate agli artt. 347 e 362 c.p.p. impongono, rispettivamente, alle Forze di Polizia di informare immediatamente il Pubblico Ministero della denuncia ricevuta , quest’ultimo​ procede entro e non oltre i tre giorni dalla iscrizione della notizia di reato ad assumere informazioni dalla persona offesa.

Quanto le nuove tecnologie possono favorire lo Stalking? Si tratta di una problematica rilevante, destinata a diventare sempre più complessa e pericolosa con l’aumento inarrestabile dell’utilizzo di Internet e delle tecnologie informatiche da parte di fasce sempre più ampie di popolazione.​ Stiamo parlando di cyberstalking, ossia l’utilizzo di internet, email o di altri dispositivi elettrici per molestare un’altra persona. Un più​ facile e veloce accesso al cyberspazio comporta anche un maggior rischio di utilizzo erroneo o di abusi del mezzo, al fine di aggredire o intromettersi nella vita di altre persone, approfittando dell’anonimato e dell’assenza dei limiti presenti in un contesto reale. In un’ottica, quindi, di prevenzione e di intervento sembra indispensabile approfondire e implementare la ricerca sul fenomeno, tenuto conto del fatto che raramente queste molestie restano limitate al mondo virtuale, essendo in grado di produrre effetti reali talvolta analoghi se non più gravi rispetto a quelli dello stalking offline. Si parla spesso di uomini Stalker, ma ci sono anche donne che mettono in atto questi comportamenti?​Stando ai dati dell’Istat, ​ gli uomini oggetto di stalking rappresentano il 24% del totale delle vittime di questo tipo di violenza. Anche le donne possono provare una gelosia morbosa, un’ossessione per il controllo della vita del partner. Quando non si riesce a identificare il proprio compagno​ come altro da sé, la donna, come l’uomo, può fare stalking, anche se quello femminile si presenta con un’incidenza minore rispetto a quello maschile. I centri antiviolenza che aiutano gli uomini in Italia sono pochissimi. Si pensa che aiutare gli uomini sia aiutare i carnefici. Per alcuni è una violenza inventata per sminuire quella nei confronti delle donne. Certo, è un fenomeno minoritario ma bisogna parlarne e cominciare a credere alle vittime. ​Quali sono le pene per questi reati?​ Il reato di stalking è disciplinato dall’art 612 bis c.p. esso rappresenta una delle novità più significative introdotte con il Decreto Legge 23.2.2009 n. 11. La pena prevista è la reclusione da sei mesi a quattro anni, a carico di chi, con condotte reiterate di minaccia o molestia, ingeneri nella vittima un perdurante e grave stato di ansia o di paura, ovvero un fondato timore per l’incolumità propria, di un congiunto o di una persona a lei legata da una relazione affettiva, ovvero la costringa ad alterare le proprie abitudini di vita. ​ ​Ringraziamo l’Avvocato Avolio per aver esposto dei chiarimenti su questo delicato argomento.

 

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*