La donna lombrosiana del 2021: lingua e diritti negati

«Le donne del volgo, specie nei paesi ove predomina il reato di sangue, sfogano il loro affetto sui loro marmocchi, baciandoli e succhiandoli nel collo e nelle braccia nude, fino a farli piangere convulsivamente, e intanto van dicendo: Chi ssi dduci, ti mangiu, ti rusicu tuttu. (Come sei dolce, ti mangio, ti rosicchio tutto) [sic] e mostrano ciò facendo di sentire una gran voluttà.»

La breve corrispondenza che il funzionario di polizia Giuseppe Alongi, collaboratore occasionale dell’Archivio di psichiatria, scienze penali ed antropologia criminale, inviava nel 1885 alla rivista diretta da Cesare Lombroso, non proveniva da una regione africana da poco sottoposta a dominio coloniale, e non si riferiva neppure a quella giungla misteriosa e «nera» . Le «vestigia di cannibalismo» giungevano invece dalla cittadina siciliana di Bagheria, dove il locale cultore della scuola antropologica criminale aveva avuto modo di rinvenire tracce inequivocabili di riviviscenze selvagge. Quelle «vestigia», secondo Alongi, non si trovavano celate soltanto nelle manifestazioni di affetto e rimprovero di cui le madri siciliane davano mostra nei confronti dei loro figli, ma si rivelavano persino in alcune delle pratiche quotidiane più diffuse tra la popolazione siciliana.

Abbiamo voluto aprire questo articolo con una corrispondenza del secolo decimonono, proprio in occasione dell’8 Marzo, “Giornata delle Nazioni Unite per i diritti delle Donne e per la pace internazionale”, data scelta da molti paesi ai sensi di una risoluzione dell’Assemblea delle Nazioni Unite, che riconobbe l’urgenza di porre fine a ogni discriminazione e di aumentare gli appoggi a una piena e paritaria partecipazione delle donne alla vita civile e sociale del loro paese.


L’occasione per evidenziare l’onda lunga del lombrosismo (non importa di quale provenienza geografica) italiano verso il meridionale e, nel caso specifico, la donna meridionale che purtroppo ancora oggi in pieno 2021 è pressoché inesistente quale tema di lotta antirazzista e per la dignità personale, sociale e culturale della donna “meridionale”, da parte soprattutto del femminismo italiano.

Il fondo di quella descrizione di atavica ferinità e status selvaggio della donna meridionale, in quel caso siciliana, così descritta da Alongi non è molto diverso da quanto oggigiorno, nel silenzio ripetiamo di certe femministe radical-chic (e di certi “attivisti” per i c.d. diritti di genere, di sesso maschile) dal sostrato sub-culturale disseminato dai mass-media e da certo sistema formativo, circa la donna, nel cosiddetto “Bel Paese”

La donna meridionale: il patriarcato femminista

In Italia si assiste infatti ad un racconto grossolano connesso a stereotipi del peggiore lombrosismo, quanto alla rappresentazione della donna  meridionale dipinta anche da certo femminismo  come perennemente arretrata, schiava di una condizione atavica di arretratezza e costretta a subire un patriarcato (etnico, in quanto territorialmente circostanziato) senza soluzione di continuità.

Una discriminazione ed un pregiudizio sempre latente nella rappresentazione di questa donna e nello stesso tempo un uguale pregiudizio di tipo lombrosiano verso l’uomo meridionale (verrebbe da dire delinquente) quale soggetto parimenti selvaggio/selvatico, arretrato e violento, appunto atavicamente patriarcale. Ovviamente qui non si nega e si combatte apertamente ogni tipo, appunto di discriminazione e d’incitamento alla violenza, non solo fisica ma anche morale e culturale che colpisce molte donne nel nostro paese, anzi si evidenzia proprio un paradosso,  nell’assenza come tema di discussione del pregiudizio razziale verso la donna meridionale e, anzi, al contrario (con colpevole miopia o spregiudicato interesse) un alimentare tale pregiudizio, nell’affermazione di volerlo combattere, in costanza di una lotta (presunta) ad un artificioso, generico, unilaterale, atavico status patriarcale che affliggerebbe questa donna e di converso, colpirebbe come responsabile l’uomo meridionale. Un disastro come si vede in quello che paradossalmente (appunto) potremmo chiamare il patriarcato “femminista”.

La rappresentazione attraverso i mass-media (fictions, spettacoli televisivi, racconti giornalistici, ecc.) di questa donna dipinta come latentemente o esplicitamente ridicola, ignorante, sciatta, volgare, colpita da violenza di sangue: situazioni e dis-qualità associate ad un chiaro od allusivo accento napolitano in ispecie, meridionale in generale, contribuisce alla decostruzione della stessa, secondo, ancora una volta, modelli lombrosiani.

Lingua e violenza, la sub-cultura lombrosiana.

Il tema della discriminazione  e della violenza culturale che vittimizza la donna meridionale va esaminato in primis alla luce della Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale ratificata dallo Stato Italiano il 5 gennaio 1976 ed in vigore dal 4 febbraio 1976. La Carta impone agli Stati Parte d’impegnarsi a vietare ed eliminare la discriminazione razziale in tutte le sue forme garantendo il diritto di tutti, senza distinzioni di origine etnica all’uguaglianza davanti alla legge, in particolare nel godimento dei diritti sociali e culturali; ad adottare misure immediate ed efficaci, in particolare nei settori dell’insegnamento, dell’istruzione, della cultura e dell’informazione, al fine di combattere i pregiudizi che portano alla discriminazione razziale e promuovere la comprensione, la tolleranza e l’amicizia tra i gruppi etnici.

L’espressione “discriminazione razziale” della Carta in questione sta ad indicare ogni distinzione, restrizione o preferenza che sia anche basata sull’origine etnica, che abbia lo scopo o l’effetto di distruggere o di compromettere il riconoscimento, il godimento o l’esercizio, in condizioni di parità, dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali in campo sociale e culturale o in ogni altro settore della vita pubblica.

Viene meno così quella partecipazione all’elaborazione e all’attuazione di politiche e alla definizione di linee guida e di norme di autoregolazione atte a prevenire la violenza contro le donne e rafforzare il rispetto della loro dignità che lo Stato Italiano dovrebbe incoraggiare nei confronti del settore privato, il settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e i mass media, secondo quanto disposto dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

In secondo luogo e, nello specifico, la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di Discriminazione nei confronti delle Donne, impegna gli Stati parte a tutelare la funzione sociale della maternità, ovvero di progresso sociale per una comunità, che in Italia viene compressa e violata da un’azione educativa materna alla disistima della dignità sociale e culturale dei figli, quale è quella che le madri napoletane o meridionali, nel caso, sono indotte dal sistema culturale italiano a trasmettere a quelli.

Queste donne pertanto sono colpite in quanto soggetti di diritti e nel loro ruolo sociale di madri, o gli viene lasciato in eredità un abbrutimento, una degradazione linguistico-culturale, socialmente trasversale che a loro trasmetteranno ai loro figli. E’la loro lingua che è ontologicamente e lombrosianamente “minore” e “arretrata” ed è questa che deve essere perduta, edulcorata, svuotata di senso per acquistarne, eventualmente un altro, completamente dissociato dalla propria identità culturale (come avviene in certe fictions).

Osserviamo quindi una limitazione all’esercizio da parte di queste donne, di quei diritti umani e libertà fondamentali in campo sociale, culturale e civile, solennemente tutelati dalla Convenzione di cui sopra. Senza ch’esse ne abbiano coscienza, addirittura come agenti di tale (auto)limitazione.

Una disgregazione in nuce della comunità sociale, culturale e linguistica meridionale in genere, napoletana se guardiamo al più diffuso e percosso ideologicamente, idioma in Italia, dopo il l’Italiano, cioè il Napoletano.

Violenza subita dalle madri di questi fanciulli che si fanno attrici di un compito profondamente auto-alienante, verso loro stesse e la loro prole, il futuro della comunità con azioni ed effetti spaventosamente anti-democratici. In conclusione, il loro patrimonio linguistico, svilito, ostacolato nella corretta e dignitosa trasmissione si dissolve, degradandosi e si porta dietro uno svilimento sociale e personale della donna “meridionale” per ritornare in un circolo vizioso ad una conferma della sua atavica, questa volta linguistica, condizione (lombrosiana) di inferiorità o minorità.

Quanto sopra, si configura pertanto come un ambito di riflessione circa il concetto di bullismo e di violenza contro le donne che crediamo molto indicativo, costituendo il caso in esame come esemplare e purtroppo paradigmatico almeno in Occidente, relativamente ad un’intera comunità socio-culturale, quale quella napoletana in specie, in generale meridionale, in quanto cittadini della nazione italiana, anche rispetto ai principi costituzionali che tutelano la sovranità, la dignità umana, l’eguaglianza, la libertà d’espressione ed il progresso democratico della nazione.

Come si vede a distanza di più di un secolo le teorie lombrosiane e come ebbe a dire meritoriamente la professoressa Silvia Maria Carbone, antropologa brasiliana di origine calabra, ideologia lombrosiana è disgraziatamente oggi, più viva  e lesiva che mai.

Dove sono le femministe italiane?

Buon 8 Marzo.

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*