Granato, PaP: “A Napoli è successo qualcosa di straordinario”

napoli

In un venerdì pomeriggio, con una fastidiosa pioggerellina che scendeva mentre De Luca annunciava che tra poche ore saremo nuovamente in zona rossa, più di duecento persone si sono “incontrate” per confrontarsi su Napoli, sul suo presente e sul suo futuro.
Per qualche ora alla Galleria Principe di Napoli abbiamo sfidato la cifra del tempo presente.
Quale?
Quella di un tempo stanco, in cui regna l’inerzia pur nel movimento frenetico e ci si sposta come zombie in attesa di una nuova epoca, quella post-pandemica, che qualcuno strombazza, che nessuno ha idea di come sarà, ma che tutti aspettano. Vecchie credenze crollano, ma non lasciano ancora spazio a nuovi orizzonti.

E’ il tempo della sospensione

Il tempo che ci tocca di vivere è quello frammentato di un eterno presente in cui esiste solo l’oggi perché il domani – qualunque domani – è troppo aleatorio per riuscire anche solo a pensarlo. È il tempo della sospensione, in cui non c’è meta, non c’è nemmeno direzione e il sentimento prevalente diventano ansia e angoscia.
È una dimensione della crisi che difficilmente troviamo nelle riflessioni di politici, intellettuali, media. Eppure è quella di cui facciamo esperienza quotidiana tutte e tutti noi.
Ebbene, in un venerdì di questo tempo del contingente e aleatorio, proprio mentre De Luca diceva ai cittadini e alle cittadine che il domani non arriverà neanche stavolta e che c’è ancora da attendere e vivere questa ripetizione di oggi che pare di vivere “Il giorno della marmotta”, per qualche ora si è imposto altro.

Future elezioni

Duecento e più persone si sono volute incontrare non solo perché si parlava di Napoli e delle future elezioni amministrative. Per approfondire alcuni temi o per dirci quanto il teatrino di questi mesi sia ripugnante.
No, mi pare ci fosse molto di più. C’era il comune convincimento che possa esistere una finestra di possibilità. Di fronte ad antiche e solide certezze che vengono inesorabilmente giù, non c’è solo la resa al presente frammentato, ma la possibilità di contribuire noi stessi a costruire la direzione del nuovo tempo storico che verrà.
Il dato più interessante che emerge dagli interventi di ieri per me sta nella volontà di potere che si è espressa, nella consapevolezza che dalle classi dominanti non arriveranno mai buone notizie e che sta a noi, a ognuna e ognuno di noi, non vivere il presente degli zombie, ma costruire il futuro delle classi popolari.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*