PaP, non sarà questa indifferenza a bloccare la nostra solidarietà

indifferenza

Sabato 27 all’ Ex OPG Occupato i medici dell’Ambulatorio Popolare hanno effettuato più 200 tamponi antigenici per tutti gli abitanti della città di Napoli.

Napoli, in queste settimane, è attraversata dall’ennesima impennata di contagi. Bisogna rispondere subito, colpo su colpo, senza stare a guardare che la situazione precipiti ulteriormente.
Per questa ragione l’Ambulatorio Popolare dell’Ex Opg Je So’ Pazzo ha deciso di fare la sua parte.

Prevenzione gratuita

Sabato 27 febbraio abbiamo ospitato una giornata di prevenzione gratuita, con la somministrazione di tamponi antigenici, i cosiddetti “tamponi rapidi”.

Informare e screenare la popolazione, tracciare in maniera capillare i casi positivi, monitorare i loro contatti per evitare la propagazione silente del virus, evitare che i posti di lavoro si trasformino in focolai di contagio, arrivare a diagnosi precoce di Covid-19, per evitare complicanze pericolose per la salute e per la vita, è fondamentale per tutte e tutti quanti noi.


A un anno esatto dallo scoppio della pandemia in Italia non si contano più le storie di medici e operatori sanitari che sono stati ipocritamente definiti “angeli” ed “eroi”.
Chiedevano solo sicurezza sul lavoro e DPI, il rispetto della loro dignità, che la politica prendesse di petto i contagi che facevano stragi.
Ma per troppe volte sono stati lasciati soli e inascoltati, a lottare a mani nude contro il Coronavirus. Molti sono stati puniti e sanzionati solo per aver alzato la voce, per aver denunciato cosa nei servizi sanitari proprio non andava.
Quest’anno, però, ci ha consegnato anche degli “eroi di serie B”.
Quelli che si sono trovati in prima linea a lavorare in condizioni di eguale rischio per la salute e che pur non mollando un attimo non sono stati considerati “appetitosi” per la stampa.
Parliamo di chi ha tenuto in piedi i servizi essenziali, il sangue vivo delle nostre città, come gli operatori ecologici e i lavoratori del trasporto pubblico locale.

Nessuno si salva da solo

“Per noi non esistono classifiche fra esseri umani, fra lavoratori.* E se la pandemia ci ha insegnato qualcosa è che nessuno si salva da solo: o ci tiriamo fuori insieme da questo disastro o non ci sarà scampo per nessuno.

Abbiamo deciso di dedicare questa giornata ai lavoratori e alle lavoratrici ASIA, in collaborazione con l’USB Unione Sindacale Di Base, nel riconoscimento degli sforzi che sostengono da un anno a questa parte, nella convinzione che proteggere Napoli si può, ma solo se si bada con un’attenzione doppia alla salute di chi anima i servizi essenziali della nostra città.

Per tre volte, nelle scorse settimane, è stata proposta alla dirigenza ASIA di ospitare questa iniziativa gratuita di prevenzione presso gli stabilimenti dell’azienda.
Per tre volte la dirigenza ha ignorato la nostra proposta, scegliendo di non spendere neanche una parola per risponderci.
Eppure non sarà questa indifferenza a bloccare la nostra solidarietà.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*