Granato, PaP: “De Luca richiude le scuole”

dpcm

A un mese esatto dalla riapertura.
Stavo preparando un breve commento, avevo quasi finito, ma poi sono andato a guardare whatsapp. E ho deciso di cancellare tutto.
Perché ho appena ascoltato le parole di un docente, uno di quelli che nei mesi di DAD s’era visto restringere la classe perché tante ragazze e tanti ragazzi non sono riusciti più a seguire e, semplicemente, si sono inabissati, rendendosi invisibili.
Uno di quelli con un figlio piccolo, e con una moglie che ha appena iniziato a lavorare. Ora dovranno capire come fare con quel bambino che dovrà nuovamente stare al chiuso delle sue quattro mura.

L’ho ascoltato tre volte quel vocale, di poco più di un minuto

La voce stanca che, poi, pian piano, si rompe dalla commozione, da una commozione che arriva alle labbra e – immagino – anche agli occhi.
De Luca chiude di nuovo le scuole.
Ci sarà di nuovo il dibattito: ha fatto bene / ha fatto male.
Io riesco a pensare solo che stanno distruggendo un Paese. Anzi, stanno distruggendo non solo un Paese, che significa il presente, ma i sogni del domani.
E questo non possiamo permettercelo. Non possiamo permetterglielo.
Combattiamo, alziamoci, torniamo a gridare. Un grido che non sia però d’allarme, ma di riscossa.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*