De Magistris: “Napoli esempio positivo”

potere al popolo

Qualche giorno fa la trasmissione TV7 di Rai1 ha evidenziato quanto il Comune di #Napoli abbia fatto e stia facendo per l’emergenza #covid-19. In particolare, si è soffermata sulle tempistiche e modalità di erogazione dei nostri buoni spesa destinati alle famiglie in difficoltà della nostra città.
Napoli è stata la città d’Italia più veloce nel dare i buoni spesa tra Marzo 2020 e Dicembre 2020. Complessivamente abbiamo consentito a circa 50.000 famiglie (cioè una famiglia ogni 6) di far fronte all’emergenza alimentare scaturita dalla #pandemia, inviando #bonus elettronici entro 10 giorni dal momento della richiesta al rilascio del buono. Siamo stati la città d’Italia con maggiori controlli, dimostrandoci estremamente “severi” con i furbi e mostrando invece la nostra naturale propensione all’onestà con i bisognosi.

Primo lockdown

Durante il primo lockdown (marzo-maggio 2020) la distribuzione dei bonus spesa si è concentrata maggiormente nei quartieri del centro della città, proprio quelli storicamente non interessati in modo sensibile da altre forme di sostegno sociale. Quartieri dove non era diffusa una povertà storicizzata o intrinseca del territorio. Segno che la pandemia ha colpito proprio quelle famiglie che prima di marzo 2020 non avevano mai avuto la necessità di un sostegno, poiché forse pur avendo un lavoro “storicamente” precario era comunque continuativo e, quindi, sufficiente per una normale attività sociale.

Situazione cambiata

Nel secondo lockdown (dicembre 2020) la situazione risulta cambiata, le richieste di aiuto si sono spostate su quartieri storicamente diversi, come la I municipalità #Chiaia/ #Posillipo, dove abbiamo avuto il 90% di richieste d’aiuto in più rispetto a Marzo 2020; Ma a Dicembre hanno ceduto anche quartieri come #Barra, #SanGiovanni e #Ponticelli che avevano retto l’impatto a Marzo 2020 probabilmente grazie al fenomeno del “turismo” che a Napoli ha visto raggiungere livelli molto elevati dal 2012 al 2020. Questo perché il turismo non ha portato ricchezza solo al centro, ma anche e soprattutto nelle periferie: tutto il comparto della ristorazione, della ricettività, dell’artigianato e della logistica ha attinto da famiglie storicamente precarie, trovando così una “stabilità” che però hanno perso improvvisamente senza aver avuto il tempo e la possibilità di chiedere aiuti.
Questi sono i due volti della crisi che ha colpito quartieri che sembravano uscire gradualmente da una condizione di “periferia” per diventare parte “attiva” della città e quartieri del centro che hanno iniziato ad assumere sembianze da “periferie”.
È grazie a questo perfetto ingranaggio se siamo stati premiati come città “modello” dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) con 80.000 euro (soldi che abbiamo rimesso nei bonus spesa per altre 280 famiglie).
Un ringraziamento va a tutti i dipendenti, funzionari, collaboratori e volontari del Comune di Napoli
che con grande spirito di abnegazione hanno reso possibile tutto questo.
Napoli spesso è citata dalle cronache come modello negativo, ma noi sappiamo molto bene che non sempre è così, e questo ne è un validissimo esempio.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*