Borrelli: “Se non ci si decide ad intervenire, la mentalità criminale schiaccerà la città”

borrelli

Così il consigliere Francesco Emilio Borrelli sulla sua pagina Facebook:

 

Napoli, 500 edicole votive e 100 murale dedicati alla criminalità. “Se si rimuove la cappella per Emanuele Sibillo la famiglia si ribellerà in tutti i modi.”- la minaccia dell’avvocato. “Borrelli: ”Se non ci si decide ad intervenire, la mentalità criminale schiaccerà la città. Ora bisogna rimuovere murale ed altarini della camorra.”
A Napoli ci sono circa 500 edicole votive e 100 murales censiti dedicati a personaggi legati al mondo della camorra e dalla criminalità. Dopo le opere dipinte e gli altarini edificati in onore dei baby-rapinatori Ugo Russo e Luigi Caiafa si è scatenata la polemica ed il Procuratore Generale ed il Prefetto hanno chiesto la rimozione delle opere inneggianti alla criminalità, appoggiando di fatto la battaglia portata avanti dal Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Decisione ancora non presa

Intanto ai Quartieri Spagnoli, in Vico Salato, a poca distanza dal murale per Ugo Russo, spunta fuori come racconta il Mattino l’ennesima cappella votiva dedicata ad un rapinatore di Rolex, dimostrato pure da un astuccio riportante la marca degli orologi di lusso che è stato posto ai piedi dell’edicola votiva.
Nonostante la richiesta del Procuratore Generale, del Prefetto, di Borrelli e di tante associazioni e cittadini a rimuovere i murale della criminalità, l‘amministrazione cittadina ancora non ha preso una decisione definitiva ed una parte della popolazione continua a difendere e sostenere la celebrazione della criminalità, minacciando anche eventuali rappresaglie. In un servizio di Ottochannel, l’avv. Iorio, rappresentante legale della famiglia Sibillo, afferma che non oserebbe neanche immaginare di cosa sarebbe capace la famiglia da lui rappresentata se si decidesse di rimuovere il santuario dedicato al baby-boss Emanuele Sibillo.


Celebrazione criminalità

“Quello della celebrazione della criminalità è un fenomeno allarmante e lo stiamo denunciando da tempo. C‘è una parte della popolazione che osteggia le istituzioni e lo Stato ed idolatra criminali e camorristi, c’è una visione assolutamente distorta, capovolta, della realtà. Per invertire questa pericolosa rotta occorre dare un forte messaggio di legalità cominciando a rimuovere tutte le opere, murale, altarini e edicole votive dedicate a criminali, delinquenti e camorristi, come stiamo chiedendo da mesi. Anche il Prefetto ed il Procuratore Generale appoggiano questa scelta, le associazioni anticamorra ed i cittadini perbene vogliono cancellare dalla città i simboli della malavita, eppure l’amministrazione non si decide ad intervenire nonostante ci siamo anche offerti di utilizzare fondi ed energie nostre per rimuovere i murale dedicati ai baby-rapinatori. Cosa si aspetta, che questa mentalità criminale prenda il sopravvento e schiacci completamente la città?”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*