Clemente: “Siglato l’accordo di collaborazione con l’Associazione EMERGENCY di Ponticelli”

clemente

Nell’ambito dei suoi obiettivi istituzionali, in accordo con la Consulta di Audit presieduta da Paolo Maddalena, la nostra Amministrazione ha assegnato al proprio patrimonio pubblico un ruolo particolarmente strategico, dove la messa a reddito è misurabile anche in base alla redditività sociale, ovvero ai servizi di pubblica utilità rivolti alla comunità, realizzati tramite attività condivise e realizzate sinergicamente negli spazi.
In tale ottica, e considerata l’emergenza da #COVID19 che sta colpendo il nostro Paese, abbiamo voluto rinnovare la disponibilità di alcuni locali di proprietà comunale nel quartiere di Ponticelli, per realizzare ogni iniziativa idonea a prevenire fenomeni di indigenza e disagio sociale, nonché per decongestionare le strutture sanitarie dall’affluenza dei cittadini bisognosi di assistenza medica.
Questa mattina, nell’immobile comunale di via Pacioli 95, è stato presentato l’accordo di collaborazione con l’Associazione EMERGENCY, attraverso il quale il Comune di Napoli mette a disposizione i propri locali per la continuazione di un Poliambulatorio di medicina generale che dà assistenza sanitaria gratuita ai migranti e alle persone in stato di bisogno sia della città di Napoli che dei comuni limitrofi.

Protocollo voluto dagli abitanti del quartiere

Un protocollo fortemente voluto in primis dagli abitanti del quartiere e da chi ha avuto riscontro ai propri bisogni dalle attività della struttura.
L’ambulatorio è attivo dal 2015 e offre gratuitamente servizi di medicina di base, educazione sanitaria e orientamento socio-sanitario per facilitare l’accesso al sistema sanitario a chi ne ha bisogno.
Presso la struttura sono inoltre disponibili un ambulatorio infermieristico per iniezioni, controlli dei parametri vitali, monitoraggio di terapie, medicazioni e un servizio di supporto psicologico per le persone più vulnerabili.
La costante presenza di mediatori culturali, oltre a permettere il superamento di barriere linguistico-culturali, che in molti casi rappresentano un ostacolo all’accesso alle cure per la popolazione migrante, garantisce che i pazienti siano informati sui loro diritti e possano accedere al Servizio Sanitario Nazionale, oltre a fornire un supporto amministrativo nelle pratiche per il rilascio dei codici Stp (Straniero temporaneamente presente) ed Eni (Europeo non iscritto).
Fino a oggi, il centro ha erogato quasi 31.036 prestazioni sanitarie, e nel 2020 ha curato 1.666 pazienti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*