Clemente: “Attenti alle ragazze che amano la politica pulita”

clemente

Sembra che nella nostra città il discorso pubblico di alcuni esponenti istituzionali, e di alcuni organi di stampa evidentemente poco attenti (o poco sereni) nel valutare il peso, i significati e le conseguenze di certe affermazioni, sia ormai affetto da un deficit di civiltà.
Colpisce – oltre alla vena discriminatoria e sessista da cui, per fortuna e per merito della mia formazione e dei miei modelli etici di riferimento, non mi sento ferita ma fortemente offesa come donna – la mancanza dei più elementari codici di comportamento istituzionale.

Una simpatica ragazza bionda…

E a ben pensarci, la cosa non mi stupisce più di tanto, visto che in alcuni Palazzi della Campania la violenza verbale è una prassi quotidiana consolidata. Io sono, sì, “una simpatica ragazza bionda”, ma non può essere così definito un amministratore pubblico.
Chi usa un’espressione del genere vuole solo colpire a casaccio, senza entrare nel merito delle questioni; chi usa un linguaggio del genere dimostra di non avere argomenti, se non quello della rozzezza.
In ogni caso, attenti alle ragazze che amano la politica pulita, perché non la danno vinta a quei maturi colleghi da cui, sicuramente, almeno una cosa possono imparare: come reagire ai soprusi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*