PaP condivide il comunicato stampa delle studentesse e degli studenti del Liceo Vico di Napoli

liceo

“Oggi alcuni ragazzi del liceo G.B. Vico hanno occupato la loro scuola con un intento ben preciso: RIPRENDERSI LO SPAZIO CHE GLI APPARTIENE, e che per troppo tempo gli é stato sottratto.
Si tratta una parte del corpo studentesco del G. B. Vico che ha deciso, assumendosene le relative responsabilità, di compiere un’azione di forte impatto politico, spinti dalla stanchezza e dalla necessità di mobilitarsi e di farsi ascoltare. Stanchezza sì, perché dopo una trafila infinita di ricerca di contatto con le istituzioni, che si é rivelata uno scaricabarile costante, possiamo dire con cognizione di causa che ci siamo stancati di chiedere, e che dobbiamo iniziare a pretendere.
Abbiamo necessità di mobilitarci perché la lotta politica é l’unico strumento capace di ottenere una vittoria.

E quindi, cosa pretendiamo?

Non ostacoleremo il rientro previsto per il 1 febbraio. Vogliamo rientrare a scuola, vogliamo ritrovare la collettività, il senso di comunità e il confronto che così tanto ci sono mancati in questo periodo. Ma la scuola in cui vogliamo tornare deve essere diversa da quella che era a settembre. Una scuola basata su strutture e modalità instabili e non adatte ad ospitare docenti e alunni garantendogli il diritto alla salute: trasporto pubblico inefficiente e insufficiente, aule troppo piccole, corridoi troppo stretti, orari troppo lunghi e assenza quasi totale di uno screening rapido ed efficace che possa prevenire la diffusione del contagio.
Sappiamo che questo non è un cambiamento che può avvenire da un giorno all’altro, e per questo vogliamo tornare a scuola lunedì accontentandoci delle misure “tappabuchi” che sono state predisposte ad oggi, ma bisogna prendere coscienza che non bastano, e che si deve cominciare a pensare a delle politiche di lunga durata.

E come proponiamo di ottenerlo?

Abbiamo bisogno di investimenti mirati per la scuola (dei 222,9 miliardi del recovery fund solo il 12,8% é destinato all’istruzione: sono i soldi che, volenti o nolenti, pagheremo noi giovani e vogliamo avere voce in capitolo su come vengono spesi) che finanzino un incremento del trasporto pubblico, la ristrutturazione degli edifici scolastici e la messa a norma di spazi alternativi in cui fare lezione. Abbiamo bisogno anche che venga tutelata la salute fisica e mentale degli studenti, attraverso l’inserimento di presidi medico-sanitari e sportelli d’ascolto nei nostri istituti.
Abbiamo bisogno di un ripensamento della didattica, non più frontale e nozionistica (modalità che in questo periodo ha fatto emergere tutte le sue contraddizioni) ma coinvolgente ed inclusiva, attenta alla sfera intellettuale dello studente e mirata al far nascere e sviluppare il proprio senso critico.

Per questo pretendiamo di vedere finalmente che le istituzioni preposte avviino un reale cambiamento, che sia strutturale e radicale, perché la DAD NON É SCUOLA. Ma ritornando a scuola in presenza dobbiamo prendere atto delle contraddizioni che sono emerse con forza e chiarezza durante l’emergenza, in modo tale da poter ripensare la scuola e renderla una volta per tutte sempre più vicina al luogo di cultura, di sviluppo del senso critico e di crescita personale e collettiva che veramente dovrebbe essere. La scuola post-pandemia dee e essere meglio di quella che era solo un’anno fa. Dobbiamo imparare dai nostri errori e crescere insieme.”


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*