Clemente: “La memoria è un atto dovuto, qualcosa che dobbiamo a milioni di vite innocenti”

clemente

Nella vita ci sono luoghi che diventano qualcosa di più che luoghi, perché impregnati di memoria. Ci sono mura che ricordano ancora i colpi violenti di mani disperate, pavimenti che ricordano ancora i nasi di chi si affannava a cercare un po’ d’aria per ritardare l’inevitabile ultimo respiro.
C’è un pezzo di cielo che ha accolto troppe preghiere e urla strazianti. C’è un cancello che non può essere solo un cancello, perché di fatto rappresenta la porta tra l’umanità e la disumanità.
Io ci sono stata in quei luoghi, in quei campi di concentramento. Ci sono stata insieme ai ragazzi delle scuole, più volte, ed ogni volta ho provato emozioni diverse, ma sempre profonde.

A che serve la memoria?

La memoria è innanzitutto un atto dovuto, qualcosa che dobbiamo a milioni di vite innocenti. Ma la memoria serve anche a non ripetere gli stessi errori. Dovremmo diventare tutti guardie solerti di quel cancello che si è aperto in troppi luoghi e che ancora è aperto in tante parti del mondo, dovremmo difendere il confine tra l’umanità e la barbarie che è molto più importante di una linea su una cartina. Dobbiamo lavorare ogni giorno affinché si coltivi la pace, la speranza e non l’odio, dal quale non puoi raccogliere altro che odio e disperazione.

Sentinelle dell’umanità

Dovremmo diventare tutti sentinelle dell’umanità e ricordare a coloro che vi si avvicinano qual è il prezzo che paga l’uomo quando passa il confine. E dovremmo ricordare tutti i nomi di chi ha varcato quel cancello ed anche di chi a quel cancello non è neanche arrivato, come Luciana Pacifici, a cui abbiamo intitolaro una strada l’anno scorso. Luciana è la vittima più giovane della Shoah, almeno tra quelle conosciute. È deceduta durante il viaggio verso Auschwitz, a 8 mesi, dopo aver appena assaggiato la vita.
Il mio ricordo va alle vittime dell’Olocausto; il mio abbraccio va agli eredi di quel dolore, agli eredi diretti, perché è certamente un’eredità di dolore e di terrore, che dobbiamo dividerci tutti.
Oggi in rappresentanza del Sindaco Luigi de Magistris
, alla presenza del Prefetto di Napoli, abbiamo voluto onorare la memoria di Luciana.
Ci siamo poi raccolti in un ricordo comune, deponendo un omaggio floreale, alle “Pietre d’inciampo”, che realizzammo un anno fa con dall’artista tedesco Gunther Deming, in piazza Bovio.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*