Clemente: “Pasquale Apicella era un uomo coraggioso, motivo di orgoglio per la città”

apicella

Pasquale Apicella era un uomo coraggioso, di quelli che onorano la divisa che indossano e sono motivo di orgoglio per la città che servono e per tutte le forze dell’ordine.

Per fare il suo dovere, Pasquale è morto

Ma Pasquale è ancora nei ricordi di chi lo piange, di chi ne ha compreso l’opera, di chi ne conosce la storia. Pasquale vive ancora e vive perché è vivo il suo ricordo; vive negli occhi di Thyago e nei sorrisi di Cataleya; vive in tutto quello che lui e Giuliana, sua moglie, hanno costruito. Vive nella battaglia che la sua famiglia, compie ogni giorno.
E il suo ricordo continuerà ad essere un esempio perché “Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi vive a testa alta, muore una sola volta”.

Nessuno lo dimenticherà

Pasquale è un napoletano, assistente della Polizia di Stato, che nessuno può dimenticare.
Con una cerimonia pubblica, da oggi e per sempre, è impressa nelle mura della nostra e della sua città, la testimonianza della sua vita.
Ciao Pasquale.

Foto marco sommella


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*