Clemente: “Ti allungo la mano Maria, come tu ed altri avete fatto con me e te la stringo”

napoletani

La Cassazione ha deciso, per la seconda volta, l’annullamento dell’ergastolo di Marco Di Lauro, mafioso ed ex latitante per 15 anni. La pena gli era stata inflitta nel processo per l’omicidio di Attilio Romanò, vittima innocente, ucciso nel suo negozio a Capodimonte il 24 gennaio 2005.

Ci sono persone con cui ho condiviso un pezzo importante della mia vita

Persone che mi hanno aiutato a crescere e che mi hanno tenuto la mano mentre attraversario il periodo più buio della mia vita, quando la camorra aveva spento il mio sole e mi aveva lasciato al buio. Alcune persone allora mi insegnarono che intorno a me c’erano tante piccole luci, che la camorra aveva spento tanti soli, ma che noi orfani di sole, non eravamo al buio, soli. Grazie a queste persone io ho imparato di nuovo a camminare ed ho camminato con loro e ci cammino ancora, anche perchè non conosco altre direzioni, che non siano l’opposto di quella dei camorristi.

Facciamo tanta luce

Tutti insieme facciamo tanta luce che i topi scappanno e vanno a rintanarsi sotto terra come i camorristi. Tutti insieme aspettiamo l’alba affinchè ci dia risposte, affinchè illumini la verità, affinchè ci venga data GIUSTIZIA. Oggi la veritá e la giustizia sembrano più lontane per le mie amiche Maria Romanò e Natalia Aprile. Oggi è un giorno buio per loro, per tutti i familiari e gli amici e le persone che hanno amato Attilio Romanò, vittima innocente della camorra. Ti allungo la mano Maria, come tu ed altri avete fatto con me e te la stringo. E con te camminerò verso la verità, verso quella verità che un giorno arriverá, perchè io credo nella giustizia, anche quando sembra incomprensibile.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*