Vergani, RES: “Ci presenteremo alle comunali di Napoli per ridare un futuro alla città”

res

L’indegno spettacolo offerto dai seguaci di Trump che si abbattono sul congresso USA, ha scatenato i commenti di tutti in ogni parte del mondo. Questo grave fatto di cronaca) che strascichi avrà negli USA, nel mondo e in Italia?

Abbiamo ascoltato Stefano Vergani, presidente di Res. Presidente Vergani, oltre alla drammaticità delle immagini, che nessuno si sarebbe mai aspettato di vedere da quella che fino ad oggi era stata chiamata la più grande democrazia del mondo, cosa ci si può aspettare che accada ancora negli USA?

“Che gli USA stessero vivendo uno dei loro più complicati periodi era risaputo da anni. Già la situazione economica e politica internazionale erano sotto gli occhi di tutti. La crisi legata alla competizione globale, l’isolamento mondiale sui rischi legati ai cambiamenti climatici, un bilancio statale ormai incontenibile ed una presidenza con scelte sovente controtendenza fanno sì che gli USA sembrano trovarsi spaccati quasi come nella guerra civile. Credo che occorreranno nuove strategie. Ricordo, poi, che ci sono settori chiave che sono in grave difficoltà: il mondo dell’auto, il consumo di combustibili fossili, l’industria bellica e quella farmaceutica. Fondamentale è il recupero della dignità democratica, l’unità del paese ed evitare l’isolazionismo che gli anni di Trump hanno messo il paese in un angolo”.

Quali saranno i contraccolpi della perdita dell’onore e della credibilità di stabilità della politica e dell’economia?

“L’economia cinese ne esce rafforzata, anche per la capacità di stringere accordi commerciali con la UE ed altre economie locali e per aver molto investito in Africa. Un disimpegno finanziario e militare nel mondo potrebbe dar il via ad un risiko di nuovi equilibri difficile da prevenire. Se tanti paesi si piegheranno allo strapotere economico cinese anche le influenze politiche potrebbero creare situazioni precarie come nei paesi arabi, nei paesi sudamericani e ancora nell’Africa. L’assalto a Capitolo Hill è un’onta che squarcia quell’idea di unità nazionale che è sempre stata alla base dei valori civici e nazionalistici. Se, poi, si verificasse una delle cicliche crisi economiche, questa potrebbe acuire il disagio degli americani. Un aspetto da non sottovalutare sarà la revisione critica di quella parte finanziaria che, perdendo solidità nei mercati, darebbe il via ad una catena di difficile soluzione”.


 L’Europa come potrebbe reagire?

“L’Europa, pur nella cisi pandemica internazionale e con la recente Brexit e i nazionalismi di alcuni suoi paesi, dovrebbe innestare la quinta marcia per riprogettare l’unione e  per provare a ritagliarsi una sua credibilità di unità, una sua solidità strategica ed economica e fungere da ago della bilancia imprescindibile per evitare che si crei un nuovo dualismo mondiale, con i rischi che ciò comporta. Un fattore potenzialmente critico sarà presto rappresentato dall’uscita della Merkel dai suoi ruoli di guida in Germania ed in Europa. Dall’ altro lato, senza gli ostracismi britannici sarebbe una buona occasione per innestare un nuovo rilancio, ma senza la Merkel potrebbe mancare quel leader che può fungere da driver europeo per la solidità e il rigore”.

In Italia come impatterà questo fatto?

“L’Italia si trova in una situazione oltremodo grave. Se ci fossero una stabilità ed unità nel paese, anche coinvolgendo forze diverse con in testa un chiaro progetto di scopo, potrebbe diventare l’alleato della Germania, ma, purtroppo, la deriva di corruttibilità e la storica impreparazione dei partiti politici rischiano di far precipitare il paese in una situazione ancor più nera. E’ ormai evidente che la politica italiana è fatta di astio sterile, di arrivismo ed è governata da un sistema che pensa alle poltrone e agli interessi personali. In questa fase di riprogettazione delle riforme, di programmi per il Recovery Fund, il MES, il Next generation e la gestione della pandemia, diamo l’ennesimo spettacolo di buffoncelli provinciali e litigiosi e senza il senso civico ed istituzionale che i tempi richiederebbero. Il problema è che tutti i cosiddetti leader dei vari partiti sono coperti da apparenti buone motivazioni ma appare chiaro che queste idee sono solo la copertura per interessi a scapito del paese. Tutti i soggetti che si muovono in RES (rigorosamente selezionati su criteri di alta capacitò esperienziale, di etica e bassa contaminazione con i poteri che per 40 anni hanno distrutto il paese) sono persone che provengono dalla società civile, dalle professioni e da quella parte di Stato capace che fino ad ora è stata messa in un angolo per non intralciare gli affari dei pochi. Credo poco ad un rimpasto di governo e programmi solo per scongiurare l’attentato di M. Renzi ed i pruriti di Berlusconi. Di certo il progetto giallo ha messo a nudo l’inadeguatezza di questa classe dirigente”.

 

RES proverà a partecipare alla tornata elettorale al Comune di Napoli?

 

“Napoli e la Campania sono dei test probanti. Ci proveremo ma non da soli perché al momento non abbiamo i numeri per poterlo fare. Si sta trattando con diverse liste civiche in alterativa ai nomi dei soliti noti o i ripescati dagli inferi. Comunque, piuttosto che presentarsi senza la certezza dell’integrità morale e senza una macchina “ammnistrativa completa per fare il bene della città, eviteremo di fare passe avventati. Siamo un movimento giovane nel senso che non ci portiamo dentro noi stessi personalità bruciate o persone anche apparentemente votabili solo per guadagnare qualche voto in più. Le persone devono essere di Napoli. Devono avere una preparazione di altissimi livello professionale e comportamentale. Non vogliamo inserire nelle liste aspiranti assessori che si rivelino non all’altezza del ruolo. Napoli merita il meglio ed è forse una delle ultime occasioni per provare a dare a Napoli una speranza per il futuro. Ci rivolgiamo a tutte le persone di buona volontà che credono in una Napoli migliore. Giovani e meno giovani, uomini e donne di ogni ceto sociale. Volete veramente che Napoli rimanga quella che è, che consente di rubare lo scooter ad una persona che lo usa per lavorare? Proveremo ad incontrare in presenza e via telematica tutti color che vorranno confrontarsi seriamente”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*