Clemente: “Il covid non ha fermato la befana”

covid

Il covid non ha fermato la befana, che pur con tutti i suoi anni ed i suoi acciacchi è salita sulla scopa ed ha fatto visita insieme all’Associazione “S.P.A” società per Amore, gruppo di amici di Napoli e associazione di Anna Di Biase, ai piccoli pazienti dei Reparti di Pediatria del Nuovo Policlinico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e al Santobono Pausilipon.
Io c’ero e posso garantire che la buona dolce vecchina indossava guanti e mascherina mentre consegnava calze piene di dolci e alcuni doni. Poi siamo andate insieme, io, la befana (notate la virgola vi prego) nella palestra di Gianni Maddaloni, ‘o Maè, per portare a quei giovanissimi guerrieri, che combattono tanto nella vita quanto sul tatami, i doni degli amici de “Il giardino dai mille colori” di suor Edoarda e dell’associazione “Dream team – Donne in rete” guidata da Patrizia Palumbo.

La befana poi è volata via ed io sono rimasta qui, a riflettere

Ho pensato che forse nella calza i bimbi degli ospedali avrebbero voluto trovare la pace, la guarigione, ma purtroppo la befana non può farlo (figuriamoci io), possiamo pregare e ringraziare il fato che li ha affidati ad alcuni tra i migliori medici al mondo.
Ho pensato che i bambini di Gianni forse avrebbero voluto trovarci la libertà di scegliere, quella vera. E forse qualcosa posso fare in questo senso e forse qualcosa abbiamo anche iniziato a farlo. Di sicuro possiamo ringraziare di nuovo il fato, per avergli fatto incontrare Gianni.
Ma c’è qualcosa che forse quest’anno tutti i bambini italiani (e forse del mondo) avrebbero voluto trovare nella calza: la libertà.
Libertà di movimento, libertà di giocare all’aria aperta, di condividere il gioco con gli amici. Quanto ha tolto questo maledetto virus ai bambini, ma anche ai ragazzi di questa città? Non voglio entrare nel merito di ciò che si è fatto e di ciò che si poteva fare, sono state scelte difficili per tutti. Ma forse bisognava capire che il nostro futuro non dipende solo dall’economia, ma soprattutto da coloro che SONO il nostro futuro. Senza ricriminare, credo sia ora che la Politica si assuma l’impegno più grande: dare normalitá ai nostri figli.

Trauma Covid-19

Il Covid è stato e continua ad essere un trauma nelle vite di tanti e soprattutto di chi non ha mai voce, ovvero, i bambini e le bambine. Con grande pazienza i più piccoli hanno accettato di sospendere i contatti con i loro coetanei, la scuola, lo sport e i giochi, per la sicurezza di tutti. A loro va la nostra più sincera ammirazione ed il senso di un debito da saldare, nella certezza che riusciremo, con l’attenzione e l’impegno di noi tutti, a recuperare il tempo “perso”. I diritti dei bambini sono i doveri degli adulti.
La befana quest’anno, ne sono certa, non porterà carbone ai bambini del mondo.
Con Claudio Cecere
, Anna Di Biase
, Marco Maddaloni
, Santobono Pausilipon Fondazione
, Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II – Area Comunicazione
, Il giardino dei colori
, Associazione Dream Team – donne in rete
.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*